Giovedì, 16 Settembre 2021
Sport

Il giudizio del ds Meluso: "Il Lecce ora è più solido, manca solo un tassello"

Il direttore sportivo ha fatto il punto e rimarcato l'importanza della conferma di Perucchini e Caturano. Si cerca ancora un centrocampista: contatti con Ledesma, piace anche Schiavone del Cesena

Il direttore sportivo Meluso e, a sinistra, Andrea Ferrante dell'ufficio stampa.

LECCE – Una squadra già pronta a recitare una parte da protagonista: manca una pedina, a centrocampo, e il Lecce affidato nuovamente a Roberto Rizzo sarà al completo. Lo ha dichiarato oggi il direttore sportivo, Mauro Meluso, mostrandosi molto fiducioso nella conferenza stampa convocata per fare il punto della situazione mentre la formazione salentina sta lavorando duramente nel ritiro di Lorica, in Calabria.

Il responsabile del mercato ha premesso di aver agito tenendo in considerazione due fattori: le “certezze” derivanti dalla passata stagione e la regola che impone la presenza in organico di non più di 14 over (nati prima del 1995),  più due calciatori “bandiera” (ma il Lecce, secondo i requisiti richiesti, può fare affidamento solo su Lepore).

Rispetto allo scorso anno sono arrivati Turchetta, esterno offensivo del 1991; Marino, difensore centrale del 1988; Di Matteo, terzino sinistro del 1988; Vicino, portiere del 1995; il centrocampista lituano Megelaitis del 1998; Di Piazza, attaccante del 1988. Da oggi, inoltre si aggregheranno i giovani difensori Riccardi* e Valeri** (il primo con la formula del prestito con diritto di riscatto e controriscatto, il secondo a titolo definitivo).

Meluso ha però sottolineato l’importanza delle operazioni che hanno consentito la permanenza dell’attaccante Caturano e del portiere Perucchini: “Non erano dall’esito scontato, perché in queste situazioni ciascuno cerca di portare acqua al proprio mulino: per questo ringrazio la proprietà che ha fatto uno sforzo economico per trattenerli”. Da non trascurare, ha aggiunto, il rientro dell'attaccante Persano dopo una buona esperienza a Siracusa.

Ma ci sono anche altri elementi che rendono fiducioso il direttore sportivo: “Mancosu e Costa Ferreira hanno giocato poco insieme. Il portoghese è arrivato a gennaio, ci ha messo un poco per arrivare al top della condizione mentre il primo ha fatto i conti con un lungo infortunio. Poi consideriamo anche che Ciancio con l’inserimento di Di Matteo tornerà nel suo ruolo prediletto, quello di esterno destro”.

In uscita si registrano le cessioni del portiere Benassi alla Casertana, del portiere Bleve alla Ternana (in prestito) del difensore Vinetot al Sudtirol, la risoluzione consensuale con il centrocampista offensivo Herrera e l’esclusione dalla rosa dell’esterno francese Doumbia, che è sul mercato. Nelle prossime settimane si troverà una sistemazione per il centrocampista Maimone, per i difensori Contessa, Vitofrancesco e Agostinone, tutti over.

Per completare il mosaico il Lecce sta valutando alcune alternative per il ruolo di centrocampista: confermato il contatto con l’agente di Ledesma, ma anche l’interessamento per Schiavone, di proprietà del Cesena. Meluso ha accennato ad altre soluzioni, mantenendo naturalmente la bocca cucita su altri dettagli. In ogni caso l’arrivo di un nuovo over avrà come conseguenza la cessione di uno già in rosa e qui le ipotesi sono le più varie: Meluso ha ribadito l’apprezzamento per Arrigoni e Torromino, ma è chiaro che entro la prima giornata di campionato, a fine agosto, i conti dovranno quadrare.

In chiusura di conferenza il direttore sportivo ha voluto citare il coinvolgimento professionale, in qualità di consulenti, di alcune “eccellenze salentine”: Tiberio Ancora come personal trainer, Massimiliano Greco e Massimiliano Benedetto come osteopati.  Venerdì mattina è in programma il prossimo appuntamento con la stampa: la dirigenza giallorossa presenterà la campagna abbonamenti.

*Il Lecce ha annunciato l'ingaggio di Davide Riccardi, terzino sinistro del 1996, subito dopo le 14. Il calciatore è di proprietà dell'Hellas Verona e nell'ultima stagione ha vestito la maglia del Sudtirol

**Emanuele Valeri, terzino sinistro del 1998, è stato prelevato a titolo definitivo dal Rieti. L'annuncio dell'operazione è stato dato nella mattinata di mercoledì 19 luglio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giudizio del ds Meluso: "Il Lecce ora è più solido, manca solo un tassello"

LeccePrima è in caricamento