Sport

Lacrime e abbracci, il memorial per Jurlano regala emozioni vere

"Rimpatriata" d'eccezione al Via del Mare nel trentennale della storica promozione in serie A del Lecce. Presenti, tra gli altri, mister Fascetti, Pasculli e Barbas. I due argentini, questa sera, premiati dai tifosi presso un bar del rione San Pio

LECCE – Scegliere la goccia più brillante in una pioggia di emozioni non è facile. Ma la prima immagine che spezza il cuore dei tifosi giallorossi è quella del piccolo Michele Lorusso che dà il calcio di inizio al memorial dedicato a Franco Jurlano nel trentennale della prima promozione in serie A.

Nipote del compianto calciatore che insieme a Ciro Pezzella morì nel 1983 in un tragico incidente stradale all’altezza di Monopoli, il piccolo ha ripercorso fino al centro del terreno di gioco le orme del nonno di cui porta il nome, davanti a un pubblico non numeroso ma appassionato, ai componenti di quella indimenticata squadra che spinse Lecce alla ribalta nazionale e ad una serie di “all stars” ed esponenti istituzionali del territorio.

C’era naturalmente Eugenio Fascetti, amatissimo tecnico, così come adorati furono Beto Barbas e Pedro Pablo Pasculli, i primi stranieri ad essere tesserati dal club salentino e che militarono in giallorosso a partire dal debutto nella massima serie. Non poterono evitare l’immediata retrocessione ma l’amore tra i due e la terra che li ha accolti ha portato buoni frutti negli anni successivi. La foto che li ritrae, tutti e tre di nuovo insieme, è di quelle da collezione. Così come gli occhi lucidi del centrocampista argentino accorso sotto gli spalti per salutare i tifosi osannanti.  

IMG_9746-2Poco importa, di queste occasioni, il risultato (5 a 7 per gli All Stars), ma resta forte la sensazione di una gioia che sul manto erboso dello stadio manca oramai da troppi anni, dopo le vicissitudini sanzionate dalla giustizia sportive e un frustrante tentativo di scalata, fallito per tre anni, dalla Lega Pro alla serie B. La speranza è dunque che il memorial andato in scena ieri sia solo il preludio di nuove soddisfazioni.

Intanto Barbas e Pasculli saranno ospiti questa sera del Bluebeat (via Reale, rione San Pio) bar dove, a partire dalle 21.30, nell’ambito di una festa popolare e di strada, i tifosi consegneranno loro dei premi. Nell’occasione sarà presentato il libro di Andrea Ferreri, “A sud di Maradona”, il racconto di un’epoca in cui le gesta della squadra, e quindi anche dei due argentini, hanno fatto la storia di un territorio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lacrime e abbracci, il memorial per Jurlano regala emozioni vere

LeccePrima è in caricamento