Fabrizio Miccoli se la cava: la frase su Falcone non rientra nell’ambito sportivo

La Commissione disciplinare della Figc ha prosciolto il calciatore che in udienza ha reso dichiarazioni spontanee. L'accusa aveva chiesto una giornata di squalifica e un'ammenda. Inappellabile il giudizio di censura sul piano morale e civile

Foto Chilla.

LECCE – Fabrizio Miccoli sarà regolarmente in campo domani sera nella sfida contro l’Ascoli. La Commissione disciplinare della Figc ha infatti prosciolto il capitano salentino dall’accusa di aver infranto l’articolo 1 dell’ordinamento sportivo con la frase “quel fango di Falcone” venuta fuori da un’intercettazione ambientale e poi pubblicata da alcuni giornali. Se l’è cavata anche il Palermo - squadra nella quale l’attaccante militava all'epoca dell'episodio contestato - tirato in ballo per responsabilità oggettiva.

L’organo giudicante, presieduto da Sergio Artico, ha sostanzialmente confermato l’indegnità dell’espressione sul piano civile e morale, ma ha riconosciuto di non poter procedere alla sanzione – la Procura aveva chiesto una giornata di squalifica e 50mila euro di ammenda (stessa somma per il club rosanero) - perché quelle parole sono state rese al di fuori dell’ambito sportivo. Il capitano del Lecce ha partecipato all’udienza nella quale ha reso dichiarazioni spontanee.

“E’ di tutta evidenza – è scritto nel dispositivo della commissione, reso noto intorno alle 19.30 - che l’odiosa frase pronunciata dal Miccoli violi principi morali in termini tanto più gravi in quanto non solo proveniente da soggetto particolarmente noto, assurto a simbolo della squadra di calcio della quale era capitano, ma anche indirizzata ad un eroico magistrato caduto nell’esercizio del suo dovere in difesa della legalità e del vivere civile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il deferito – prosegue il comunicato -  ha pronunciato le parole in questione nel corso di una conversazione privata, venuta alla luce solo perché captata nel corso di un’intercettazione ambientale. L’interlocutore è un soggetto non tesserato e la conversazione è avvenuta all’interno di un’autovettura, alle cinque del mattino in periodo estivo (13 agosto) in un contesto definito dal Miccoli goliardico. Tale definizione può essere messa in dubbio, ma è certo che in ogni caso i due si trovavano in un contesto privato, non definibile, neppure in senso lato, sportivo. Non ogni condotta illecita di un tesserato può essere considerata in re ipsa rilevante disciplinarmente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Finanziamenti con documenti falsi, al terzo tentativo scattano le manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento