Mercoledì, 28 Luglio 2021
Sport

"Nel cuore del Salento", trionfi di Piccirillo e Gentile. Grande successo per la seconda edizione

Si è chiusa con l'arrivo a Torre Suda la seconda edizione de "Nel cuore Salento, dall'Adriatico allo Jonio", una gara podistica divisa in cinque tappe. Una competizione unica nel suo genere, che ha portato oltre 130 atleti a percorrere e attraversare alcuni dei borghi e dei tratti più belli della penisola salentina

LECCE – Un viaggio lungo circa 45 chilometri a unire in maniera immaginaria l’Adriatico allo Jonio. Un viaggio fatto di fatica, sudore, impegno, sacrifici e chilometri macinati a ritmo di corsa. L’arrivo a Torre Suda, con partenza da Taviano, ha chiuso la seconda edizione de “Nel cuore Salento, dall’Adriatico allo Jonio”, una gara podistica divisa in cinque tappe. Una competizione unica nel suo genere, che ha portato oltre 130 atleti a percorrere e attraversare alcuni dei borghi e dei tratti più belli della penisola salentina.

Dal barocco della Chiesa madre di Palmariggi alla cittadina messapica di Muro Leccese, tra menhir e dolmen; dal fascino e le origini leggendarie di Castrignano dei Greci (Kastrignàna) alla meraviglia cinquecentesca del Castello de’ Monti a Corigliano d’Otranto (Koriàna), tra le tracce della Magna Grecia e il fascino di una lingua antica, il griko; dal dedalo di stradine di Neviano (ai piedi dell’imponente cupola della Chiesa madre) al Palazzo baronale di Collepasso, sulle tracce del valoroso Nevius e sulle ripide Serre salentine; dalla storia antica di Parabita su fino alla Veneri e al santuario della Madonna di Montegrappa, dove sembra possibile toccare il cielo con un dito e abbracciare l’intero Salento; dalla città dei fiori, Taviano, fino a Torre Suda, ai piedi della torre d’avvistamento del sedicesimo secolo.

Un successo di pubblico e partecipanti per una gara a tappe giunta alla seconda edizione grazie al grande lavoro svolto dal comitato provinciale Fidal di Lecce, Cronogare, e dalle associazioni: Asd Otranto 800, Apd Amici giallorossi Muro Leccese, Asd Amatori Castrignano dei Greci, Asd Atletica amatori Corigliano, Asd Saracenatletica Collepasso, Asd Podistica Parabita, Asd Podistica Tuglie, Asd Atletica Taviano ’97. E’ grazie al loro impegno, alla loro attività e ai loro sacrifici, infatti, se questa edizione (capace di attirare tanti atleti anche da fuori regione) ha riscosso consensi e favori, nonostante le difficoltà di organizzare tante gare nel clou dell’estate, nel pieno della stagione turistica e vacanziera.

Tra gli uomini padrone indiscusso della competizione Giuseppe Piccirillo. Il campione dell’Asd Tre Casali si è aggiudicato quattro delle cinque tappe (il meritato successo nell’ultima gara è andato a Giuseppe Palumbo della Correre Galatina, autore di una grande prova), dominando la classifica per l’intera settimana di gara, chiudendo con il tempo complessivo di 2 ore, 43 minuti e 18 secondi. Secondo posto (2.44.43) per il giovane talento Giulian Vadrucci (Amici giallorossi), che ha preceduto Alessandro Negro (Atletica Capo di Leuca), uno abituato alla parte alta della classifica, che ha concluso la manifestazione con 2.51.18. Premiati i primi trenta atleti della classifica generale: Antonio Colazzo; Giuseppe Ria; Andrea Vetrugno; Stefano Leonardo Marsano; Giuseppe Pellegrino; Emanuele Cianci; Luca Ceglia; Davide D`Amico; Luigi Nuzzo; Giuseppe Teofilo; Claudio De Mori; Pierino Stincone; Alessandro Sarcinella; Giuseppe Di Maio; Alessio Finolezzi; Mauro Imbriani; Antonio Borgia; Franco Previtero; Domenico D`Anna; Marcello Esposito; Leonardo Beccarisi; Graziano Stefanelli; Fernando Rollo; Riccardo Pezzuto; Donato Preite; Alessandro Viola e Alessandro Pisanello. Premio anche per i successivi primi di ogni categoria: per la SM Giovanni Galante (Asd Tre Casali); per la SM 40 Giovanni Fuso (Amatori Corigliano); per la SM 45 Rosario Mengoli (Correre Galatina); per la SM 50 Sergio Campi (Grecìa Salentina); per la SM 55 Mario De Paolis (Podistica Copertino); per la SM 60 Giovanni Patera (Podistica Parabita); per la SM 65 Antonio Vallone (Correre Galatina); per la SM 70 Igino Russo (Saracenatletica).Arrivo-2

Tra le donne successo per Liliana Gentile della Body Angel di Manduria, che ha chiuso in 3.23.57. Dietro di lei Erika Toscano dell’Atletica Capo di Leuca (3.29.01); Alessandra Camassa del Cus Lecce (3.29.07); Maddalena De Luca dell’Otranto 800 (3.37.04); e Rossella Fasiello dell’Amatori Corigliano (3.37.59). Cinque campionesse che hanno chiuso una competizione lunga e faticosa, dando vita a una fantastica gara vissuta sotto il profilo dell’agonismo e della sportività.

Per tutti coloro che hanno partecipato e concluso le cinque tappe della manifestazione una medaglia ricordo e una canotta con il logo di “Nel cuore del Salento”. Due bei premi per una kermesse podistica che ha lasciato emozioni e ricordi in tutti gli atleti, giunti stanchi ma felici sul lungomare di Torre Suda. Un giusto riconoscimento per una gara impegnativa sotto il profilo tecnico e atletico, visto anche il caldo proibitivo degli ultimi giorni. Il pensiero è già alla prossima edizione, con l’obiettivo di aumentare il numero di partecipanti e rendere (se possibile) la gara ancora più affascinante e avvincente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Nel cuore del Salento", trionfi di Piccirillo e Gentile. Grande successo per la seconda edizione

LeccePrima è in caricamento