menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luca Paganini (foto Chilla).

Luca Paganini (foto Chilla).

Paganini, una vita contro: con il Lecce ritrova il suo Frosinone

Da sempre in maglia gialloblu, l'esterno destro romano è arrivato nel Salento nel pieno della maturità calcistica. E con mister Corini si sta adattando nel ruolo di interno di centrocampo

LECCE – La carriera del 27enne Luca Paganini è presto riassunta: una vita nel Frosinone, prossimo avversario del Lecce al Via del Mare (sabato, alle 14).

Con i ciociari, oltre a disputare due campionati di A, Paganini ha anche segnato al Lecce nella finale di ritorno dei play off del campionato 2013/2014. Quella gara, che i tifosi giallorossi difficilmente dimenticheranno e che terminò in un parapiglia generale, finì 3 a 1 e consegnò la promozione in B ai gialloblu.

Sei anni e mezzo dopo Paganini veste la maglia del Lecce: partito nel suo ruolo naturale di esterno di destra, è stato poi adattato come interno di centrocampo quando Corini ha deciso di passare dal 4-3-3 al 4-3-1-2 per valorizzare l’impiego di due attaccanti di ruolo. I due si conoscono da tempo: il 18 dicembre del 2011, quando aveva 18 anni, fu mandato in campo da Corini, allora allenatore del Frosinone, nella trasferta di Siracusa, squadra nella quale militava Marco Mancosu, il capitano del Lecce.

“Mi sono trovato più che bene a Frosinone – ha dichiarato il calciatore romano al microfono del club salentino -: lì mi hanno cresciuto. Sono abbastanza emozionato e contento di affrontare questa sfida, ritrovo compagni e amici”.

Paganini sa che la prossima sfida, oltre ad avere un grande significato personale, ha un valore importante per delineare le gerarchie del campionato in corso: entrambe le squadre sono al terzo posto con 19 punti, insieme all'Empoli, e devono inseguire la Spal che ne ha 21 e la Salernitana, prima con 23. “Abbiamo un tour de force, sono tutti scontri diretti fondamentali per la classifica. È uno dei mesi più decisivi per il nostro cammino, sappiamo che sarà difficile. Importante è stare sempre sul pezzo e non abbassare mai la guardia”. Dopo il match con il Frosinone, il Lecce sarà di scena a Salerno, nel turno infrasettimanale.

Intanto la squadra ha sostenuto una seduta di allenamento: Adjapong, che ieri aveva rimediato una distorsione alla caviglia, si è allenato a parte (come Rodriguez, Felici e Radicchio), mentre Dermaku si è fermato anzitempo per un fastidio muscolare alla coscia destra. Calderoni, invece, ha ripreso ad allenarsi con il gruppo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento