Le pagelle: Lepore, da esterno è un'altra musica. Mancosu sugli scudi

Il capitano, schierato al posto di Pacilli, è una costante spina nel fianco per gli avversari. Dal centrocampista sardo qualità alla manovra

Checco Lepore.

LECCE - Nella rotonda vittoria del Lecce contro la Virtus Francavilla il marchio di "Hulk" Torromino è evidente: per lui una tripletta che vale un 8 pieno.

Tra i giallorossi spicca però anche l'ottima prestazione di Mancosu (7) che riesce a far tutto molto efficacemente, dalla fase di interdizione agli assist. Restando a centrocampo, buona la prova di Arrigoni (6,5) lucido per tutti i 90 minuti oltre che molto dinamico. Il giovane Tsonev, schierato nel posto solitamente occupato da Lepore, non si disimpegna affatto male, anche se si concede qualche pausa di troppo.

Convince lo spostamento di Lepore (6,5) come esterno offensivo: per il capitano meno oneri in fase di copertura rispetto alla posizione di interno di centrocampo e una incisività costante in fase offensiva. Pazienza se sbaglia due goal quasi fatti. L'unica insufficienza odierna è per Caturano (5,5): per il capocannoniere del torneo una giornata no, nella quale fallisce un paio di occasioni clamorose. Niente da dire, e vale la pena sottolinearlo, sul piano dell'impegno e della disponibilità nei confronti dei compagni.

La difesa registra una prova pulita e propositiva di Vitofrancesco e Ciancio, mentre Drudi e Giosa non solo tengono bene le marcature e le distanze, ma riescono anche a dare il via alla manovra in modo intelligente. Per tutti un 6,5 convinto. Bleve (6) non si dimostra sicuro in un paio di uscite alte, ma tra i pali è reattivo e decisivo in un paio di circostanze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Maimome, Capristo e Fiordilino entrano a gara virtualmente chiusa. Ma il loro ingresso dimostra l'attenzione che Padalino ha per la linea verde. Al tecnico (7) il merito di aver trovato una valida alternativa all'assenza contemporanea di Pacilli e Doumbia, ma soprattutto di aver sollecitato nella squadra una risposta immediata sul piano della concentrazione, a tratti venuta meno a Vibo Valentina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • “Vai a casa mia e sposta tutto”. Ma vedono il messaggio e trovano la droga

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Colpo in testa e via con i soldi: portiere dell’hotel aggredito per rapina

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento