Mercoledì, 16 Giugno 2021
Sport

Il ruggito del capitano dopo Caserta: "Il Lecce non è inferiore a nessuno"

Dopo il pareggio in terra campana, Romeo Papini esalta la personalità della squadra giallorossa: "Capolista in difficoltà sul proprio campo"

Romeo Papini a Caserta.

LECCE – Romeo Papini riparte dalle “sensazioni positive” dopo il pareggio in casa della Casertana, maturato grazie al goal di Surraco che ha rispoto al vantaggio siglato da De Angelis.

Alla ripresa degli allenamenti in vista del match interno di sabato contro il Martina Franca, il capitano ha raccontato ai cronisti il suo punto di vista: “Dopo essere andati sotto abbiamo giocato una gara con grande personalità. L’ambiente era acceso sin dal riscaldamento ma noi abbiamo dimostrato di non essere inferiori a nessuno. Questo tipo di prestazione ti lascia qualcosa in più a livello mentale, abbiamo messo in difficoltà sul suo campo la squadra che è in testa dalla prima giornata”.

A proposito dell’infortunio dell’assistente Meozzi, che di fatto ha condizionato il prosieguo del match, il mediano giallorosso ha dichiarato: “L’episodio ci ha danneggiato, loro erano alle corde in quel momento”. A Papini è stata affidata sin dal ritiro la fascia di capitano, della quale era stato investito solo saltuariamente quando giocava con la Ternana: una responsabilità non da poco quella di governare uno spogliatoio dove nelle ultime stagioni l’aria non è stata delle migliori. Ma sul punto il capitano ha fugato tutti i dubbi: “Il gruppo è sano, non ci sono invidie e se qualcuno non si fosse comportato bene non l’avrebbe passata liscia”.

Papini ha anche benedetto la chiusura della finestra invernale di calciomercato e ha raccontato un retroscena: “Ho chiamato Nicolò Gigli per salutarlo, lui era molto dispiaciuto di dover andar via. Quest’anno l’ambiente è molto positivo, inteso come insieme di società, tecnico e squadra: la società ci è stata vicina quando siamo stati in difficoltà e qualcuno ha storto il naso, ma ci ha comunque spronato a far meglio anche quando le cose andavano bene. A favore dell'allenatore parla la media punti”.

Memore degli incidenti di percorso contro le cosiddette “piccole” negli anni scorsi, Papini ha voluto tranquillizzare i tifosi facendo comprendere che lui e i suoi compagni sono pienamente consapevoli della posta in palio a questo punto del torneo: “Quella con il Martina è una partita da preparare nei minimi dettagli, siamo concentrati solo su questo. E poi le nostre concorrenti hanno impegni non facili: sappiamo che la nostra gara può avere notevole importanza sul nostro campionato”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ruggito del capitano dopo Caserta: "Il Lecce non è inferiore a nessuno"

LeccePrima è in caricamento