rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Sport

Al Lecce manca il gol: traversa di Coda, con il Perugia finisce 0 a 0

Ottavo risultato utile per la squadra di Baroni che però non riesce a bucare la difesa meno battuta del torneo. Nel primo tempo i giallorossi hanno costretto quasi sempre gli ospiti ad alzare trincee. Al 63' il tecnico ha sostituito i tre d'attacco

LECCE - Ottavo risultato utile di fila per il Lecce che però non va oltre il pari, il secondo consecutivo, contro un Perugia venuto nel Salento per non prenderle, forte della difesa meno battuta fino a questo momento. 

I giallorossi di mister Baroni sono partiti con buona intensità e velocità, provando a schiacciare l'avversario nella propria metà campo e riuscendoci per almeno un quarto d'ora. Quando gli umbri, pericolanti soprattutto sui fianchi, sono riusciti a prendere qualche misura il Lecce ha comunque conservato le redini del gioco peccando nel momento della finalizzazione: al 6' Di Mariano, di testa e senza marcatore, non trova la porta su un cross di Gendrey; all'8' l'ex del Venezia sfonda sul lato sinistro e dal fondo cerca un compagno in mezzo all'area piccola, trovando invece una respinta della difesa in grande affanno. 

Il Perugia, che al minuto 8' aveva sviluppato una ripartenza interessante con Santoro sul lato destro del fronte d'attacco, alla quale aveva posto rimedio Tuia con una scivolata e qualche rischio per la propria porta, si fa nuovamente vedere con un tiro al volo di Segre dal limite dell'area dopo una respinta di testa non memorabile di Gendrey. Al 25' il passaggio di Strefezza verso il centro dell'area viene respint da Sgarbi direttamente su Coda che colpisce d'istinto verso la porta ma senza sorprendere Chichizola.

Allo scadere della frazione una buona opportunità per Majer che di testa, sull'ennesimo cross di Barreca, colpisce indirizzando la sfera sul primo palo e mancando di poco lo specchio della porta. Il tempo si conclude con una conclusione molto alta da parte di De Luca, al quale solo Carretta, col suo dinamismo, ha cercato di dare un sostegno.

Nel secondo tempo il Perugia rientra in campo con Vanbaleghem per Segre e Murano per De Luca. Al 48' Kouan fa venire i brividi ai tifosi del Lecce, con un colpo di testa che termina di poco oltre la traversa, ma al 50' la migliore occasione è di Coda, ancora su cross di Barreca: bel colpo di testa del numero 9 giallorosso e traversa piena. Al 63' Ferrarini si fa male e viene rimpiazzato da Rosi. Baroni, contestualmente, cambia tutto il tridente d'attacco: fuori Strefezza, Coda, Di Mariano, dentro Olivieri, Rodriguez e Listkowski. Il problema del Lecce, però, è che, a quel punto della gara, gli esterni difensivi sono già molto più prudenti in fase offensiva: ne risente la manovra che diventa più compassata e prevedibile. Quando poi Barreca, stremato, alza definitivamente bandiera bianca, al suo posto entra Paganini con Gargiulo nel ruolo di laterale difensivo di sinistra. Al 71' Meccariello aveva già sostituito Tuia, mentre Matos aveva dato respiro a Carretta.

Le tante interruzioni di gioco sul finale di gata hanno fatto il gioco dei grifoni e non ci sono state buona opportunità né da una parte né dall'altra. Da segnalare un giallo a Rodriguez, giusto, per simulazione in area di rigore e qualche protesta di Olivieri, finito a terra dopo un contatto. Dopo quattro minuti di recupero il direttore di gara, Giua di Olbia, ha ordinato la fine delle ostilità.

Il Lecce può rimproverarsi di non aver saputo sbloccare il risultato nel primo tempo, quando la superiorità tattica e tecnica sugli avversari avrebbe legittimato il vantaggio, ma alla fine può anche limitare i rimpianti, accontentandosi di aver messo altro fieno in cascina (qui le dichiarazioni del post gara di Baroni e Lucioni). Giovedì pomeriggio i giallorossi saranno di scena e Brescia e poi ancora lunedì 1 novembre contro il Cosenza in casa. 

Quarto pari stagionale (foto Chilla)

Il tabellino di Lecce-Perugia 0 a 0

LECCE (4-3-3): Gabriel; Gendrey, Lucioni (cap.), Tuia (72’ Meccariello), Barreca (81’ Paganini); Majer, Hjulmand, Gargiulo; Strefezza (63’ Listkowski), Coda (63’ Rodriguez), Di Mariano (63’ Olivieri). A disposizione: Bleve, Paganini, Bjarnason, Bjorkengren, Gallo, Blin, Calabresi, Dermaku. Allenatore: Baroni

PERUGIA (3-4-1-2): Chichizola; Sgarbi, Angella (cap.), Dell’Orco; Ferrarini (63’ Rosi), Santoro (86’ Ghion), Segre (46’ Vanbaleghem), Falzerano; Kouan; Carretta (69’ Matos), De Luca (46’ Murano). A disposizione: Fulignati, Righetti, Gyabuaa, Moro, Murgia, Curado, Zanandrea. Allenatore: Alvini

Ammoniti: 17’ Angella, 65’ Listkowski, 80’ Meccariello, 89’ Rodriguez

Arbitro: Giua di Olbia; assistenti: Vecchi di Lamezia Terme e Gualtieri di Asti; quarto ufficiale: Luongo di Napoli

Var: Paterna di Teramo; assistente Var: Muto di Torre Annunziata

Spettatori: 6665.

La nona giornata

Risultati: Alessandria-Crotone 1 a 0; Lecce-Perugia 0 a 0; Monza-Cittadella 1 a 0; Ternana-Vicenza 5 a 0; Benevento-Cosenza 3 a 0; Frosinone-Ascoli 2 a 1; Brescia-Cremonese 1 a 0. Domenica: Pisa-Pordenone, Reggina-Parma, Spal-Como.

Classifica (provvisoria): Pisa 19; Brescia 17; Benevento, Lecce, Cremonese 16; Frosinone, Perugia, Ascoli 14; Ternana, Reggina, Monza e Cittadella 13; Cosenza 11; Parma 10; Spal e Como 9; Crotone e Alessandria 7; Vicenza 3; Pordenone 1.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Lecce manca il gol: traversa di Coda, con il Perugia finisce 0 a 0

LeccePrima è in caricamento