Perucchini scalda le mani: "Ripartiamo dalle due gare con l'Alessandria"

Il portiere parla dal ritiro. Ritiene giusta la scelta di puntare ancora su mister Rizzo. E fra gli avversari mette in guardia soprattutto su Catania e Trapani: "Sono fra le più attrezzate"

Perucchini: anche quest'anno difenderà la porta del Lecce.

LORICA (Cosenza) – Archiviata l’ennesima delusione ai playoff, il Lecce riparte dal ritiro di Lorica, in provincia di Cosenza. La truppa giallorossa ha iniziato la preparazione ormai da tre giorni.

Al comando di mister Roberto Rizzo ci sono volti vecchi e nuovi. Altri calciatori probabilmente arriveranno in corsa, così come qualcuno potrebbe approdare verso altri lidi: l’eterno gioco degli scambi, nel calcio. Ma fra i punti fermi, almeno per questa stagione, restano le mani di Filippo Perucchini. Il 3 luglio scorso, la comunicazione che l’estremo difensore bergamasco, di proprietà del Bologna, sarebbe rimasto in giallorosso, a titolo temporaneo. Ed è proprio il portiere il primo a parlare, dal ritiro.

“Sicuramente rispetto allo scorso anno, quando arrivai a gennaio – dice, ricordando il suo ritorno in maglia giallorossa -, partire già con la squadra dalla fase di ritiro è un vantaggio”. “In più – prosegue - aggiungiamoci il fatto che per la maggior parte ci conosciamo già, l’ossatura dello scorso anno è stata mantenuta”.

“Ripartire con compagni con i quali hai condiviso un periodo più o meno lungo – spiega - rappresenta un vantaggio”. Perucchini non ha dubbi sulla scelta della società, quella di proseguire il percorso con mister Rizzo, che ha sostituito in corsa Pasquale Padalino. “E’ giustissima, una decisione nella direzione della continuità, dopo l’ottima lavoro svolto sul finire dello scorso anno. Ripartiamo dalle due gare con l’Alessandria, che abbiamo disputato in modo straordinario”, prosegue Perucchini. “In quelle due partire ci è mancata, sicuramente, un po’ di fortuna, vedi la traversa di Mancosu e quel pizzico di cattiveria in più per far gol, perché di occasioni da rete ne abbiamo avute molte”. Una gara stregata, esorbitante il numero di situazioni da rete ancora impresse negli occhi dei tifosi. Eppure, l’avventura del Lecce s’è fermata proprio in Piemonte e il sogno promozione è sfumato. Ancora una volta.  

Ma Perucchini è sicuro: “La strada della parte finale dello scorso torneo è, a mio avviso, quella giusta. Abbiamo dimostrato di essere una squadra forte, importante e che sapeva giocare bene al calcio. Il girone C, purtroppo, lo conosciamo bene, bisognerà stare attenti a tutte le squadre. Quelle più attrezzate al momento, secondo me – conclude il portiere del Lecce -, sono Catania e Trapani, senza tralasciare il Matera, il Cosenza, la Juve Stabia, che sono tutte squadre forti. In questo girone, comunque, non ti puoi permettere di sottovalutare nessuno”.

In ritiro, che durerà fino al 28 luglio, fra gli altri portieri vi sono Chironi, Foscarini e Vicino. Poi, i difensori Agostinone, Ciancio, Contessa, Cosenza, Di Matteo, Drudi, Marino, Vinetot, Vitofrancesco; i centrocampisti Arrigoni, Costa Ferreira, Lepore, Maimone, Mancosu, Megelaitis, Monaco e Tsonev; gli attaccanti Caturano, Capristo, Di Piazza, Pacilli, Persano, Torromino e Turchetta. Lo staff sanitario è composto dal responsabile sarà il Giuseppe Congedo, con i medici sociali Luigi Cappello, Francesco Marti e Antonio Tondo. I massaggiatori sono Graziano Fiorita e Francesco Soda. 

Fra gli innesti in squadra, in questa fase, vi è Matteo Di Piazza, 29enne, attaccante proveniente dal Foggia, arrivato con la formula del prestito con diritto di riscatto. Siciliano d’origine, ha girato in molte squadre: Catania, Savoia, Vittoria, Benevento, Sudtirol, Rimini, Siracusa, Chievo, Pro Vercelli, Gubbio, Maceratese, Akragas, Vicenza, e, appunto, Foggia. 

Altro volto nuovo, quello di Linas Megelaitis, arrivato in prestito con diritto di riscatto dal FK Svyturys Marijampoles. Centrocampista lituano, 19enne, nell'ultima stagione ha vestito la maglia del Latina.  Ancora: Gianluca Turchetta, nell’ultima stagione alla Maceratese. Attaccante esterno, 26enne, ha giocato con Bellaria, Cesena, Sudtirol, Parma, Matera, Barletta, Forlì e Maceratese. Molta attenzione è poi rivolta a Luca Di Matteo, terzino sinistro, 28enne. Abruzzese, ha già indossato la maglia del Lecce in serie A, nella stagione 2011-2012. Nella sua carriera ha militato anche in Pescara, Palermo, Cittadella, Crotone, Vicenza, Padova, Teramo, Lanciano e Latina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto, proseguono anche gli appuntamenti istituzionali. Venerdì 21 luglio sarà illustrata la campagna abbonamento della nuova stagione sportiva. La società preannuncia interessanti novità per i tifosi giallorossi. La campagna inizierà ufficialmente lunedì 24 luglio. Nella stessa circostanza saranno presentate le nuove maglie da gioco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento