Sport

Sembra Simoncelli, ma ammira Rossi: è di Taviano la speranza delle moto

Alessandro Nocco, 15 anni, partecipa al campionato europeo Stock 600 con il team San Carlo Italia. Dalla prossima gara ad Assen, in Olanda, il suo casco avrà il brand "Salento d'Amare" che già sostiene il campione di salto triplo Daniele Greco

Alessandro Nocco.

LECCE – Il Salento si coccola i suoi talenti e, anche in tempi di crisi, prova a sostenerli. Questa mattina, a Palazzo Adorno, è stata presentata l’ultima “scoperta” in campo sportivo: dopo Daniele Greco, campione europeo nel salto triplo, balza agli onori della cronaca la storia di Alessandro Nocco, quindicenne originario di Taviano, pilota di moto.

Ha i tratti somatici del compianto Marco Simoncelli, a partire da una chioma riccioluta e ingovernabile: “Li ho sempre avuti così”, ha precisato il giovane talento salentino che ha riconosciuto di avere una grande ammirazione per Valentino Rossi, “una leggenda per il motociclismo”

Domenica scorsa è giunto 16esimo nella gara della categoria Stock 600 di motociclismo, ad Aragon, in Spagna e per buona parte della stessa, ha lottato per la zona punti. Al suo esordio sullo scenario continentale, corre per il San Carlo Team Italia insieme al pilota romano Franco Morbidelli: “Non penso al futuro, voglio fare una buona stagione”, ha detto il ragazzo in conferenza stampa, al fianco del presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone.

Palazzo dei Celestini, per 10 mila euro, ha ottenuto di marchiare il casco di Nocco con il brand “Salento d’Amare” che in tempi non troppo lontani è arrivato nei più famosi stadi d’Italia sulle maglie dell’Us Lecce. E ci sarebbe già l’accordo con la madre – manager per il prossimo anno, magari nel circuito mondiale. Il 15enne si è detto “orgoglioso di essere salentino” e ha raccontato ai cronisti come è nata la sua passione.

Il padre, titolare di una concessionaria di moto a Taviano, aveva una minicross con la quale il bambino si è svezzato. Poi il passaggio alle minimoto, lanciate sulle “poche piste” – ha precisato – nei dintorni di casa. Rapida tutta la trafila nella categorie nazionali fino al terzo posto, nel 2011, nella Coppa Italia 250 ma con due gare in meno, le prime, perché non aveva ancora compiuto i 14 anni necessari a salire in sella. L’anno successivo il campionato italiano Stock 600 e, domenica scorsa, il lancio sul palcoscenico europeo. Il campionato prevede, nell'ordine, dopo la corsa di domenica prossima ad Assen, in Olanda, le gare di Monza, Portimao (Portogallo), Imola, Silverstone (Gran Bretagna), Magny - Cours (Francia), Nurburgring (Germania), Jerez de la Frontera (Spagna).

Soddisfazione per la partnership avviata è stata manifestata dall’assessore al marketing e turismo della Provincia di Lecce, Francesco Pacella: “Il rilancio del marchio ‘Salento d’Amare’ passa dai giovani che credono nel loro territorio”. La Provincia di Lecce, nei mesi scorsi, ha corteggiato e conquistato talenti anche al di fuori dell’ambito sportivo, come Antonio Maggio, vincitore di Sanremo giovani. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sembra Simoncelli, ma ammira Rossi: è di Taviano la speranza delle moto

LeccePrima è in caricamento