Giovedì, 23 Settembre 2021
Sport Nardò

"Rambo" Raponi all'ultimo respiro, il Toro risorge e inguaia il Grottaglie

Il Nardò, nell'ultimo minuto di recupero, trova il gol del successo con il Grottaglie. Decide un colpo di testa di Raponi

Foto Ferpero.

 

 

N ARDO’ - Sudata, sofferta, faticosa, ma alla fine è arrivata. Vittoria del riscatto per il Nardò nel derby col Grottaglie, all'ultimo minuto è il guerriero Raponi, di testa, a regalare tre punti ai granata. Successo che riscatta la sciagurata sconfitta con il Martina di domenica scorsa, e inguaia il Grottaglie, risucchiato nelle sabbie mobili della bassa classifica.

Al “Giovanni Paolo II”, tra i cori dei tifosi granata contro il presidente Russo e il sindaco Risi, Longo ripropone il 4-3-3. Si rivede dal primo minuto Febbraro, come terzino sinistro, con Aventaggiato dalla parte opposta. Manca recupera e parte titolare, il convalescente Taurino in panchina. Tra i biancazzurri Pizzonìa abbottona i suoi con un ordinato 4-4-2, che vive sui lampi dei talentuosi Cristofaro e Scalese.

Fin dai primi minuti regna un sostanziale equilibrio. Al 3' protesta del Toro per un rigore, apparso evidente, per la trattenuta di Cristofaro su Mariano. La signora Farinelli sorvola. Al 22' ancora granata all'assalto: calcio di punizione di Patera e stacco a botta sicura di Raponi, Laghezza è un gatto e salva i suoi. Nardò e Grottaglie si equivalgono, il match ristagna a centrocampo. Intorno alla mezzora un'occasione per parte: per i biancazzurri ci prova D'Urso, per i granata Manca. Nulla da fare. Si va al riposo a reti bianche.

Nella ripresa girandola di cambi da ambo le parti. Non ci sono particolari sussulti da segnalare fino al 75': cross di Febbraro e sinistro di Manca, ancora Laghezza provvidenziale nell'intervento cn i piedi. Il Toro appare stanco e subisce il ritorno del Grottaglie. A una manciata di minuti dal termine Salerno sbaglia l'uscita su un calcio piazzato, De Angelis da pochi passi spara a botta sicura, Raponi salva alla disperata. Dal corner successivo conclusione di Luzzi senza fortuna. Quattro minuti di recupero. Al 94' espulso il biancazzurro Carta, decisione apparsa eccessivamente severa. Dal calcio di punizione cross al centro di Rolando Giannuzzi e colpo di testa vincente di “Rambo” Raponi che si insacca sotto al sette.

I tifosi possono esplodere all'ultimo secondo. Con questi preziosi tre punti i granata allungano a +20 sullo stesso Grottaglie, che comunque deve recuperare una gara. Nel prossimo turno, per il Nardò, insidiosa trasferta a Marano con l'Internapoli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Rambo" Raponi all'ultimo respiro, il Toro risorge e inguaia il Grottaglie

LeccePrima è in caricamento