menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Saponara con la maglia del Genoa, a settembre (foto Ansa).

Saponara con la maglia del Genoa, a settembre (foto Ansa).

Saponara, primo allenamento con il Lecce: ora 18 partite per lasciare il segno

Il trequartista forlivese, che ha da poco compiuto 29 anni, arriva nel Salento in prestito dalla Fiorentina in cerca di rilancio e continuità di rendimento

LECCE - Dal momento che è stato visto in carne e ossa all'Acaya Golf Club, dove Gianluca Lapadula aveva appena concluso la conferenza stampa prima della seduta di allenamento del Lecce, si può dire con certezza che Riccardo Saponara è finalmente a disposizione di Fabio Liverani.

Nonostante, infatti, il nome del trequartista fosse da mesi associato a quello del club giallorosso, e soprattutto fosse stato riproposto con insistenza nelle ultime tre settimane, sembrava ci fosse sempre una ragione perché il passaggio al Lecce non si concretizzasse, a partire dalle vecchie ruggini tra il direttore sportivo Mauro Meluso e l'omologo della Fiorentina, Daniele Pradè.

Il calciatore forlivese, che ha da poco compiuto 29 anni, arriva nel Salento con la formula del prestito. Nella scorsa stagione ha vestito la maglia della Sampdoria, poi è stato girato al Genoa dove nella prima parte del campionato ha collezionato appena quattro presenze a causa di infortuni ma anche di una impostazione tattica che lo ha messo al margine del progetto tecnico: l'ultima sua apparizione risale al 3 novembre, contro l'Udinese.

Cresciuto nell'Empoli, dove ha vissuto le sue migliori annate nella massima serie, con 68 presenze e 14 reti tra il gennaio del 2015 e quello del 2017, ha vestito anche la maglia del Milan, nella prima parte della sua carriera e poi quella della Fiorentina, club che tuttora ne detiene il cartellino. A breve un comunicato dell'Us Lecce metterà la parola fine alla lunga e complicata trattativa di mercato*.

Saponara, che di primo mattino ha fatto le visite mediche di routine, ha ora 18 partite per lasciare il segno e contribuire alla rincorsa del Lecce verso la salvezza: il suo arrivo, che segue quello di Deiola a centrocampo, colma una delle lacune segnalate da Liverani e consentirà al tecnico di avere più frecce al suo arco, anche riguardo la collocazione di capitan Mancosu.

*Il comunicato è stato diramato nel primo pomeriggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento