Sport

Cessione del Lecce, Savino Tesoro studia le finanze societarie

L'imprenditore dell'acciaio è stato in città, accompagnato da due commercialisti, per dare uno sguardo ai libri contabili della società. Una ricognizione preliminare per poi formalizzare l'eventuale offerta

 

LECCE - Savino Tesoro prende confidenza con i libri contabili dell'Us Lecce. Lo ha fatto ieri, con la consulenza di due commercialisti, nella sede di via Templari. A fare gli onori di casa il patron Giovanni Semeraro e la presidentessa Isabella Liguori. 
 
Si tratta di una passo comunque preliminare. La conoscenza dei numeri e della situazione generale delle finanze e del patrimonio della società, è infatti indispensabile per la formalizzazione dell'offerta, l'atto concreto che passarebbe la palla nella metà campo del patron che, intanto, ha assicurato che di cifre non si è ancora parlato.
 
Eppure le indiscrezioni parlano di circa 12 milioni in caso di permanenza in serie A e di circa 8 se il Lecce dovesse retrocedere. Ma sul futuro della trattativa, e non solo su quello, incombe l'evoluzione dell'inchiesta calcioscommesse, rispetto alla quale la società continua a ribadire la propria totale estraneità mentre da Cremona rimbalzano nubi sempre più dense sul cielo di Lecce-Lazio, gara di chiusura dello scorso torneo.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cessione del Lecce, Savino Tesoro studia le finanze societarie

LeccePrima è in caricamento