Sabato, 31 Luglio 2021
Sport Leuca / Via Miglietta

Lo Spartak Lecce ospita il Negation football club all'ex Opis

La selezione di Calcio Senza Confini, che esordirà il prossimo anno in Terza categoria, ospita una squadra di richiedenti asilo africani. A luglio, poi, i mondiali antirazzisti a Castelfranco Emilia e ad agosto la "No racism cup"

Due squadre dell'edizione 2012 di Calcio senza confini.

 

LECCE – Sabato 30 giugno alle 19.30, presso il campo di calcio dell’ex Opis (via Miglietta) - dove è alle battute finali la quarta edizione di Calcio senza confini, torneo antirazzista a 24 squadre -, è in programma un’amichevole speciale, per due motivi: innanzitutto perché saranno impegnati i ragazzi africani del Negation football club, alloggiati in due strutture alberghiere a Carovigno nell’ambito di un protocollo di emergenza della protezione civile. Si tratta di ragazzi del Mali, della Nigeria, dal Ghana e di altri paesi, fuggiti dalla Libia o costretti a imbarcarsi dai soldati di Gheddafi, lasciandosi alle spalle tutto quello che faticosamente avevano costruito.

Il loro status è quello di richiedenti asilo, perché il governo non ha gli concesso il permesso di soggiorno per motivi umanitari come invece aveva fatto con i profughi in fuga dalla Tunisia nel 2011. In questa condizione di eternamente sospesi, anche la ricerca di un lavoro qualunque è un’utopia, subordinata all’approvazione di una commissione territoriale che non arriva quasi mai. Da qui l’autoironica denominazione di Negation Football Club. Intanto si sono messi a giocare a calcio ed hanno vinto il Torneo dei popoli di Mesagne. I ragazzi sono costantemente seguiti dall’associazione Finis terrae onlus.

Sabato, alle 19.30, se la vedranno con una rappresentativa dello Spartak Lecce, la selezione di Calcio senza confini che il prossimo anno parteciperà con il suo carico di novità e di entusiasmo al campionato di Terza categoria della Figc. Ma le iniziative di solidarietà e inclusione sociale attraverso lo sport non si esauriscono in una partita. Dal 4 all’8 luglio, a Castelfranco Emilia, si disputano i Mondiali antirazzisti, ai quali parteciperanno 200 squadre provenienti da 25 paesi in rappresentanza di 50 nazionalità: Calcio senza confini sarà presente con una mini rappresentativa formata da 4 ragazzi tamil, un brasiliano e un rumeno.

L’amichevole di sabato sarà preceduta da un goliardico minitorneo per evitare il “cucchiaio di legno”, riservato alle tre squadre peggio classificate nei tre gironi di Calcio Senza Confini 2012: Sporting 1908, Sri Lanka e Atletico Badisco. Anche per agosto - dal 4 all'8 - è previsto un altro torneo dal sapore solidale e multirazziale, la “No racism cup”, presso l’agricampeggio Fattizze di Torre Lapillo. L’organizzazione di tutte gli eventi è targata agenzia culturale B-Fake.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo Spartak Lecce ospita il Negation football club all'ex Opis

LeccePrima è in caricamento