Lunedì, 26 Luglio 2021
Sport

Appunti giallorossi. La volata promozione ipotecata dalla differenza reti

A due giornate dalla fine del campionato, il Lecce deve sperare di fare un punto in più del Trapani o di ribaltare la differenza reti che vede la squadra di Boscaglia a più cinque. Le possibilità di farcela sono poche

Il Trapani festeggia la vittoria a Lecce. Una gara che può rivelarsi fatale per le sorti del torneo.

LECCE – Cosa rimpiangerà di più il Lecce? Le tante occasioni sprecate nello scontro diretto contro il Trapani, quando si era sull’1 a 0, oppure la goleada subita a Salò? Sono queste, del resto, domande piuttosto attuali alla luce dello scenario che si potrebbe delineare alla fine dei 180 minuti che ci separano dalla fine del campionato di Prima divisione.

A parità di punti (60) con i salentini, ma con un rassicurante più cinque quanto a differenza reti generale, la squadra di Boscaglia ha gran parte delle possibilità di tagliare per prima il traguardo. Il pareggio a Bergamo con l’Albinoleffe (44) ha consentito a Giacomazzi e compagni l’aggancio, ma non il sorpasso.

Il calendario, d’altra parte, non presenta particolari ostacoli per i granata che domenica riceveranno una Reggiana (28) sull’orlo di una crisi di nervi dopo la sconfitta in casa con il Pavia (40) già salvo: la formazione di Zauli, per migliorare la sua posizione nei play out, fa la corsa su Portogruaro (31) e sul Como (32). Il Trapani chiuderà la stagione regolare a Cremona (43) contro una formazione che ha rincorso i play off, ma che, dopo il pareggio interno di domenica con il Portogruaro, ha praticamente issato bandiera bianca.

Più impegnativi, a dire il vero, appaiono i due impegni del Lecce: prima il Carpi (50) in casa, con i modenesi che vorranno difendere il terzo posto appena riconquistato dal Sudtirol (49) e dalla Virtus Entella (49) che, tuttavia, nell’ultima giornata osserverà il turno di riposo; infine l’Albinoleffe che, se dovesse vincere a Como proverebbe un ultimo, disperato sorpasso proprio ai danni dei liguri a condizione che questi non vincano domenica in casa di un Cuneo (34) oggi salvo per due punti e quindi in cerca di punti per la definitiva salvezza.

L’altra strada per ribaltare la situazione a favore dei ragazzi di mister Antonio Toma implica un paio di goleade dei giallorossi a fronte di una sterilità pressoché totale del Trapani: francamente un’ipotesi solo di scuola. Al Lecce, insomma, non resta che fare per intero la sua parte e sperare in una di quelle sorprese che assumono le sembianze del miracoloso ma che, ogni tanto, accadono sui campi di calcio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appunti giallorossi. La volata promozione ipotecata dalla differenza reti

LeccePrima è in caricamento