Trionfano i colori salentini a Napoli fra le promesse del tiro a segno nazionale

Giada Giannachi, 11 anni appena, di Corigliano d’Otranto e iscritta alla sezione di Alezio del tiro a segno, ha conquistato il titolo italiano giovanissimi 2014, sbaragliando le concorrenti. Rosanna Maria Bernadette Longi, 12 anni, della sezione di Lecce, ha ottenuto eguagliato il record italiano

Giada Giannachi sul podio e, sotto, Rosanna Maria Bernadette Longi.

LECCE – Giada Giannachi, 11 anni appena, di Corigliano d’Otranto e iscritta alla sezione di Alezio del tiro a segno, nella specialità di pistola in appoggio ha conquistato il titolo italiano giovanissimi 2014, piazzandosi davanti a Camilla Coppeta di Candela e a Chiara Perrone di Lucca. Ha sbaragliato le concorrenti col risultato di 192 su 200, un punteggio che le ha anche permesso di superare il suo record personale (186/200) con il quale era diventata campionessa regionale un mese addietro. Camilla Coppeta, infatti, ha realizzato 189 su 200 e Chiara Perrone 188 su 200.

La kermesse s’è svolta nei giorni scorsi presso la sezione di Napoli del tiro a segno, che ha ospitato anche il trofeo nazionale delle regioni. Alla manifestazione nella quale ha trionfato la giovane salentina erano presenti 87 tiratori in erba nati negli anni 2003 e 2004, che si sono cimentati nella carabina ad aria compressa, nella pistola a bersaglio mobile, a mano libera e in appoggio.

Immensa la gioia dei familiari della piccola campionessa, che al rientro ricevuto festeggiamenti a sorpresa da parte di un comitato d’accoglienza composto da parenti e amici. Entusiasta anche il presidente della sezione di Alezio, e delegato provinciale del tiro a segno, Claudio Stanca: “Nel momento in cui sul tabellone è comparso il risultato che decretava la vittoria di Giada non sono riuscito a trattenere la felicità e la soddisfazione. Nella nostra piccola sezione tutti sono molto orgogliosi di Giada e dei risultati che è stata capace di ottenere in meno di un anno di attività, grazie agli allenamenti costanti e ad un’invidiabile dedizione”.

Rosanna Maria Bernadette Longi-2“Infatti – ricorda - ha partecipato a due delle cinque tappe del circuito regionale, piazzandosi al secondo posto a Lecce e al terzo a Brindisi prima di conquistare il titolo pugliese ad Altamura e quello italiano a Napoli. Presto inizierà la preparazione in vista della prossima stagione agonistica, che la vedrà impegnata nella categoria allievi (12 – 13 anni). Per continuare a crescere avrà bisogno del sostegno dei suoi familiari, che finora sono stati encomiabili seguendola e supportandola con costanza, e che per questo vanno ringraziati perché – conclude - hanno avuto un ruolo fondamentale in questi risultati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tiro a segno salentino, però, si è distinto anche nel trofeo nazionale delle regioni (186 atleti delle categorie juniores, ragazzi e allievi), dove Rosanna Maria Bernadette Longi, 12 anni, tesserata per la sezione di Lecce, ha ottenuto il punteggio di 184/200, eguagliando il record italiano e superando il suo personale di 183/200 che le era già valso il titolo italiano nella categoria allievi. Il risultato di Napoli ha permesso alla squadra di pistola della Regione Puglia di conquistare il primo posto e quindi la medaglia d’oro nella manifestazione. “Queste ragazze sono entrate di diritto a far parte dell’eccellenza salentina dello sport del tiro a segno”, ha concluso Stanca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento