rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Sport Corigliano d'Otranto

Trionfano i colori salentini a Napoli fra le promesse del tiro a segno nazionale

Giada Giannachi, 11 anni appena, di Corigliano d’Otranto e iscritta alla sezione di Alezio del tiro a segno, ha conquistato il titolo italiano giovanissimi 2014, sbaragliando le concorrenti. Rosanna Maria Bernadette Longi, 12 anni, della sezione di Lecce, ha ottenuto eguagliato il record italiano

LECCE – Giada Giannachi, 11 anni appena, di Corigliano d’Otranto e iscritta alla sezione di Alezio del tiro a segno, nella specialità di pistola in appoggio ha conquistato il titolo italiano giovanissimi 2014, piazzandosi davanti a Camilla Coppeta di Candela e a Chiara Perrone di Lucca. Ha sbaragliato le concorrenti col risultato di 192 su 200, un punteggio che le ha anche permesso di superare il suo record personale (186/200) con il quale era diventata campionessa regionale un mese addietro. Camilla Coppeta, infatti, ha realizzato 189 su 200 e Chiara Perrone 188 su 200.

La kermesse s’è svolta nei giorni scorsi presso la sezione di Napoli del tiro a segno, che ha ospitato anche il trofeo nazionale delle regioni. Alla manifestazione nella quale ha trionfato la giovane salentina erano presenti 87 tiratori in erba nati negli anni 2003 e 2004, che si sono cimentati nella carabina ad aria compressa, nella pistola a bersaglio mobile, a mano libera e in appoggio.

Immensa la gioia dei familiari della piccola campionessa, che al rientro ricevuto festeggiamenti a sorpresa da parte di un comitato d’accoglienza composto da parenti e amici. Entusiasta anche il presidente della sezione di Alezio, e delegato provinciale del tiro a segno, Claudio Stanca: “Nel momento in cui sul tabellone è comparso il risultato che decretava la vittoria di Giada non sono riuscito a trattenere la felicità e la soddisfazione. Nella nostra piccola sezione tutti sono molto orgogliosi di Giada e dei risultati che è stata capace di ottenere in meno di un anno di attività, grazie agli allenamenti costanti e ad un’invidiabile dedizione”.

Rosanna Maria Bernadette Longi-2“Infatti – ricorda - ha partecipato a due delle cinque tappe del circuito regionale, piazzandosi al secondo posto a Lecce e al terzo a Brindisi prima di conquistare il titolo pugliese ad Altamura e quello italiano a Napoli. Presto inizierà la preparazione in vista della prossima stagione agonistica, che la vedrà impegnata nella categoria allievi (12 – 13 anni). Per continuare a crescere avrà bisogno del sostegno dei suoi familiari, che finora sono stati encomiabili seguendola e supportandola con costanza, e che per questo vanno ringraziati perché – conclude - hanno avuto un ruolo fondamentale in questi risultati”.

Il tiro a segno salentino, però, si è distinto anche nel trofeo nazionale delle regioni (186 atleti delle categorie juniores, ragazzi e allievi), dove Rosanna Maria Bernadette Longi, 12 anni, tesserata per la sezione di Lecce, ha ottenuto il punteggio di 184/200, eguagliando il record italiano e superando il suo personale di 183/200 che le era già valso il titolo italiano nella categoria allievi. Il risultato di Napoli ha permesso alla squadra di pistola della Regione Puglia di conquistare il primo posto e quindi la medaglia d’oro nella manifestazione. “Queste ragazze sono entrate di diritto a far parte dell’eccellenza salentina dello sport del tiro a segno”, ha concluso Stanca.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trionfano i colori salentini a Napoli fra le promesse del tiro a segno nazionale

LeccePrima è in caricamento