Mercoledì, 4 Agosto 2021
Sport

Si parte per l’ultimo assalto. In Lombardia si decide la promozione diretta in B

Il Lecce è atteso dall'Albinoleffe, fuori dai giochi play-off. La Cremonese, invece, che qualche residua speranza ce l'ha, affronterà la capolista Trapani. Rientrano Giacomazzi e Pià, Chiricò e Chevanton non ce la fanno. Foti tra i convocati

La Curva Nord nella partita contro il Carpi.

LECCE – Dopo la rifinitura di questa mattina al Via del Mare, il Lecce è partito alla volta della Lombardia per l’ultima trasferta della stagione regolare. A Bergamo Giacomazzi e compagni si giocheranno l’ultima chance per la promozione diretta in serie B con la consapevolezza che non basterà vincere. Tutto dipende comunque dal risultato del Trapani a Cremona. In caso di arrivo a pari punti, infatti, la differenza reti premierà i siciliani.

Mister Antonio Toma, secondo quanto riferito all'ufficio stampa del Lecce (la consueta conferenza stampa non si è tenuta per ragioni logistiche), non sembra disfattista: “La Cremonese ultimamente è la squadra che ha conquistato più punti, attraversa un momento di forma eccellente e farà di tutto per fare suoi i tre punti, visto che si gioca la possibilità di guadagnare un posto nei playoff. Sono sicuro che gli incontri di quest’ultima giornata, sui quali ci sarà la massima attenzione e controllo da parte della Lega, saranno delle partite vere e regolari”. Ironia della sorte, proprio durante questa settimana, la Lega Pro ha concluso a Lecce l’Integrity tour, iniziativa itinerante nelle città della Prima e Seconda divisione contro le frodi sportive. Ci si aspetta dunque che tutte le gare vengano disputate regolarmente e l’attesa, questa volte, è qualcosa di più di un’aspettativa retorica: le valanghe che nell’ultimo anno hanno travolto il mondo del calcio – e delle quali proprio il Lecce è una delle vittime più illustri – sono un monito che dovrebbe essere preso sul serio.

L’allenatore del Lecce sa anche che la testa dei suoi ragazzi e dei tanti tifosi che seguiranno la squadra nell’ultimo assalto alla vetta sarà rivolta alla partita di Cremona: “I miei giocatori devono pensare solo a correre, non posso, però, nascondere che mi farebbe piacere sentire durante la gara un boato dei nostri tifosi che annuncia il vantaggio della Cremonese. A prescindere, però, da quello che succederà sul campo di Cremona, la squadra dovrà avere il giusto atteggiamento. Domani dovremo giocare con la testa, il nostro unico obiettivo è portare a casa i tre punti e dovremo farlo senza avere fretta di sbloccare subito la partita. Non dovremo farci prendere dalla foga di risolvere subito il match. L’Albinoleffe avrà tre assenze importanti, ma rimane un’ottima squadra. Senza i punti di penalizzazione la squadra lombarda si sarebbe giocata l’accesso alla serie B attraverso i playoff”.

Il tecnico salentino – che ha convocato anche Foti -, ritroverà Pià e capitan Giacomazzi, ma non avrà a disposizione né Chevanton, autore di tre reti nelle ultime due uscite, né Chiricò. “Chevanton ha fatto vedere contro il Carpi di aver acquisito una buona condizione, trascinando in campo i propri compagni. Dispiace dover rinunciare a lui anche in considerazione dell’assenza di Chiricò che è stato fermato da un problema muscolare e del fatto che Foti, comunque, non è al meglio della condizione. Pià, invece, fa parte della lista dei convocati, in settimana si è allenato con il gruppo e sembra aver smaltito il problema muscolare che lo aveva costretto a saltare le ultime partite”. Al centro dell’attacco Bogliacino affiancherà Jeda.

Intanto l’Us Lecce, dopo tre giorni dalla notifica, ha deciso di proporre il ricorso contro la multa di 6mila euro comminata anche per cori razzisti nei confronti di Rachid Arma, attaccante del Carpi, autore della doppietta che aveva portato gli emiliani avanti di due lunghezze dopo dieci minuti. La decisione “è stata presa perché si ritiene del tutto infondata la circostanza dei presunti cori a sfondo  razzista ed al fine di tutelare e difendere la dignità e l'immagine di una tifoseria e di una intera città, che si è sempre contraddistinta per l'accoglienza, la civiltà e il rispetto verso tutti”. In effetti, che si trattasse di cori, cioè di slogan intonati in maniera organizzata, non se ne è accorto nessuno. Sarebbe più corretto parlare di insulti isolati, quelli che il delegato della Procura federale ha udito distintamente provenire a pochi metri di distanza dal posto che occupava in Tribuna centrale superiore e riconducibili a uno o comunque poche persone.

I convocati per Albinoleffe-Lecce.

PORTIERI: Benassi, Bleve. DIFENSORI: Diniz, D'Ambrosio, Esposito, Fatic, Ferrario, Martinez, Vanin, Vinicius; CENTROCAMPISTI Bogliacino, De Rose, Giacomazzi, Memushaj, Zappacosta; ATTACCANTI Bustamante, Falco, Foti, Jeda, Pià.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si parte per l’ultimo assalto. In Lombardia si decide la promozione diretta in B

LeccePrima è in caricamento