Venerdì, 30 Luglio 2021
Sport

Vigilia di play-off, Gustinetti motiva il Lecce: "In campo senza fare calcoli"

Prima della sfida di domani, allenamento di rifinitura col dubbio Bogliacino e forse Vanin dal primo minuto. Il tecnico giallorosso chiede "nervi saldi" e tesse le lodi del Carpi: "Squadra buona, che cerca di imporre il suo gioco"

Il mister Gustinetti nella sfida con l'Entella

LECCE - Il countdown per la trasferta di Carpi, valida per la finalissima dei play-off di Lega Pro, è iniziato: il Lecce vuole staccare l'ultimo biglietto utile per volare in serie B, dopo l'annata a due velocità, che ha costretto i salentini a tentare la promozione dall'accesso secondario e più insidioso. Non è tempo di bilanci sulle scelte passate, quelle sbagliate, che non hanno permesso la promozione diretta: ora serve solo la concentrazione per giocarsi tutto negli ultimi 180 minuti della stagione, iniziando da domani.

Elio Gustinetti, al termine dell'allenamento di rifinitura di questa mattina, condizionato dal gran caldo, ha predicato attenzione, non sciogliendo le riserve sull'undici che manderà in campo domani: "Sulla formazione da opporre al Carpi - ha affermato - ho sempre dei dubbi, delle riflessioni che un allenatore fa; e poi preferisco, comunque, tenere tutti i giocatori sulla corda".

Il tecnico giallorosso si dice convinto che, nella due giorni di ritiro, la squadra abbia lavorato bene, attenendosi alle sue indicazioni e svolgendo tutto ciò che ha richiesto: "Questi sono sempre dei momenti utili - ha proseguito - per conoscere meglio i miei giocatori e starci assieme". Poi Gustinetti ha fornito informazioni specifiche su alcuni calciatori: "Bogliacino ieri ha lavorato in differenziato, oggi si è allenato cercando di forzare relativamente, vedremo domani. Vanin per un posto a centrocampo? Potrebbe partire dall’inizio, anche in considerazione del fatto che gli altri tre centrocampisti sono in diffida, anche se non ho ancora deciso".

"In questa partita - ha asserito - dovremo mantenere i nervi saldi, dovremo saper leggere la partita, gestendo le varie situazioni. In rosa abbiamo giocatori d’esperienza e spero che riescano ad esaltare questo loro aspetto. Chevanton e Jeda sono partiti titolari nella gara di domenica scorsa con l’Entella e con giocatori così si fa alla svelta, non c’è da insegnare nulla di particolare e credo che in campo, sebbene fosse la prima volta dal primo minuto, si siano assemblati abbastanza bene".

Poi la domanda sul vantaggio psicologico dei due risultati a disposizione su tre, con Gustinetti che si dice deciso a non fare troppi calcoli: "Dovremo essere liberi e tranquilli, cercando di fare le cose che sappiamo fare. Il Carpi cercherà di metterci in difficoltà con le sue armi e noi faremo lo stesso. Si parte avvantaggiati per il piazzamento, ma la nostra non è una squadra in grado di fare calcoli".

Il tecnico leccese, quindi, tesse le lodi degli avversari: "È una squadra veramente buona, che anche nelle ultime gare di campionato ha cercato di imporre il proprio gioco e ci aspetta una gara veramente difficile. Conosco alcuni giocatori della squadra emiliana per averli avuti con me come Bianco, Papini e Ferretti, che è infortunato, gli altri, invece, ho avuto modo di apprezzarli
come avversari o nei filmati".

La chiave del match sarà tutta nel solito elemento, pronto a fare la differenza: "Conteranno le motivazioni, che nel calcio sono alla base di tutto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigilia di play-off, Gustinetti motiva il Lecce: "In campo senza fare calcoli"

LeccePrima è in caricamento