Domenica, 1 Agosto 2021
Sport

Volley Squinzano, Cenci: "Volano per il Nord salento"

Il presidente della società di pallavolo, che si appresta ad affrontare una nuova stagioen di B1, si sofferma a discutere del suo progetto. A 360 gradi

A meno di due mesi dall'avvio del campionato di volley di serie B1 maschile - girone D - (esordio casalingo contro la corazzata Gioia del Colle), il presidente della Pallavolo Città di Squinzano Claudio Cenci si sofferma sul progetto che sta portando avanti da diverse stagioni.

- Allora presidente per un attimo torniamo con la mente all'epilogo dello scorso campionato nella gara thrilling contro il Molfetta. Contento per aver ottenuto una soffertissima salvezza, o deluso per le aspettative disattese di un campionato che poteva essere diverso?

"E' il solito discorso di quando si vuol vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Pensavamo di aver allestito una squadra che potesse raggiungere traguardi certamente più ambiziosi: ma i risultati ci hanno dato torto. Il cambio di allenatore in corsa, qualche elemento che ha tardato a trovare la giusta condizione, e gli infortuni hanno fatto il resto. E siamo arrivati a giocarci il tutto per tutto all'ultima gara di Molfetta. Sotto due set a zero ho rivisto gli spettri della semifinale play off persa in maniera incredibile a Bari l'anno precedente: ma fortunatamente ora possiamo raccontare di una vittoria che ha voluto dire salvezza, e non solo?".

- Una vittoria che ha garantito un'altra stagione sul palcoscenico della serie B1, che ha voluto significare molto per una piazza storica e prestigiosa per il volley come Squinzano.

"E' proprio così anche perché sprofondare nella bolgia del campionato di serie B2 significava dover rivedere in toto i progetti e le scommesse fatte in questi anni dall'intera dirigenza che ho l'onore di guidare. Sappiamo poi com'è difficile fare attività sportiva, che non sia esclusivamente quella calcistica e, soprattutto, trovare nuova 'linfa' che ti permetta di proseguire nel tuo disegno".

- Ed il problema della 'linfa' è un dato con il quale la maggior parte delle nostre società, che non siano quelle calcistiche, debbono tenere in debita considerazione.

"Purtroppo è proprio così. Soprattutto qui nel Salento, ma credo sia un problema abbastanza generalizzato, è impensabile intraprendere un'avventura sportiva che non interessi il mondo del calcio, dove i 'finanziatori' sono disposti ad investire anche per il ritorno d'immagine che il 'dio pallone' ha. Eppure noi, tra mille e mille difficoltà, grazie all'aiuto del comune di Squinzano in primis, alla massima disponibilità, anche economica, dei nostri dirigenti, e soprattutto a tutte quelle aziende che sino a questo momento ci sono state vicine, ormai da tre anni stiamo cercando di attuare un progetto 'Squinzano' che riporti agli antichi fasti la nostra squadra di volley, ma soprattutto sia una sorta di volano per questa parte di nord Salento che ormai da troppi anni vive in una sorta di isolamento sportivo. Ma attuare da soli questo progetto senza il sostegno economico di qualche partner, che sia istituzionale o privato, è abbastanza improponibile pensarlo nel corso degli anni".

- Insomma il progetto 'Pallavolo Squinzano' come una sorta di redenzione per il territorio del nord Salento, magari con l'aiuto di qualcuno disposto ad investire in tutto ciò

- "Vediamola così. Lecce con la squadra di calcio è il faro dello sport salentino, ma questo è normale. Per tanti anni ai fasti della serie A, che speriamo tornino presto, con gli enti locali e le aziende che sposano questo progetto con un investimento di marketing territoriale che ha un ritorno d'immagine davvero notevole. Il sud Salento con la Salento d'Amare Taviano nel volley ed ora con i campioni d'Italia della Italgest Casarano nella pallamano. E l'area del nord Salento? Ci siamo soltanto noi come gruppo Pallavolo Squinzano che, faticosamente nel corso di questi anni, sta cercando di portare all'attenzione sportiva e non solo un territorio che da troppo tempo si trova in una sorta di limbo. E tutto questo sarà possibile realizzarlo solo se al nostro fianco ci saranno dei soggetti che vorranno sposare appieno questo ambizioso progetto".
- Un vero e proprio appello a tutti coloro hanno a cuore le sorti sportive e non solo di questo territorio.

"Più che un appello lo vedrei come un senso di appartenenza a questo splendido lembo di terra. La squadra di volley potrebbe rappresentare un volano per far conoscere e promuovere le peculiarità del nord Salento".
- Ma a questo proposito Le viene in mente qualcosa?

"Lancio un'idea. Come Pallavolo Squinzano saremmo disposti a sposare il progetto del 'Parco del Negroamaro' che, grazie alla felice intuizione del presidente della Provincia di Lecce Giovanni Pellegrino, è ormai una splendida realtà. Un progetto, questo, che mira alla tutela e valorizzazione delle produzioni vitivinicole ed olivicole del territorio del nord Salento, e che interessa buona parte dei comuni della provincia di Lecce e Brindisi".

- Ma questa è una vera e propria chiamata alle armi per gli enti aderenti al Parco.

"Chiamiamola come vogliamo. Io la vedo come un'occasione unica per la promozione e la crescita economica del nord Salento. Del resto mi sembra che la Provincia di Lecce con la promozione del marchio 'Salento d'Amare' sulle maglie del Lecce abbia fatto proprio questo ragionamento".

- Il sasso è stato lanciato nello stagno. Secondo Lei questa eventuale parnership potrà avere un seguito?:


"Spero si riesca a cogliere lo spirito di questo mio appello. La mia è stata una semplice 'provocazione' che mi auguro non rimanga tale. Noi opereremo per la crescita del territorio continuando a credere ed investire nel progetto Pallavolo Squinzano: saremo ben lieti di avere al nostro fianco attori pronti a recepire il nostro invito e, soprattutto, disponibili, a condividere con noi questo progetto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley Squinzano, Cenci: "Volano per il Nord salento"

LeccePrima è in caricamento