rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Volley

Non c’è due senza tre: Ilaria Maruotti punto fermo della Narconon Melendugno

La schiacciatrice romana è ormai salentina DOC dopo l’ennesima conferma e la gran voglia di disputare il secondo campionato consecutivo di A2

Una nuova e gradita conferma in casa Narconon Melendugno. Per il terzo anno di fila, Ilaria Maruotti schiaccerà ancora in Salento, in quella che sarà la seconda stagione consecutiva in Serie A2 per il club leccese. È un rinnovo di importanza vitale, visto che si sta parlando di un mix perfetto di esperienza, professionalità e tecnica.

Queste le sue dichiarazioni delle ultime ore: "Per me Melendugno è casa. Quando ho ricevuto la chiamata con la proposta di riconferma, non ho avuto alcun dubbio nell'accettare la proposta. Sono stati due anni fantastici, qui a Melendugno ho trovato un clima eccezionale, ci sono tutte le condizioni per lavorare serenamente e far bene. Insieme a Valeria (Caracuta ndr) trasmetteremo alle nuove compagne l'amore per questi colori, e sono sicura che tutte insieme lotteremo su ogni pallone per cercare di raggiungere i risultati tanto sperati da società e tifosi. Non vedo l'ora di tornare a Melendugno, e riprendere da dove abbiamo finito: vittoria in casa e una cornice di pubblico straordinaria. Forza Narconon!”.

Classe 1994, originaria di Roma, Ilaria ha una lunga carriera alle spalle, non solo in Italia, che testimonia tutta l’esperienza che finora è riuscita a maturare. Il volley ha iniziato a far parte della sua vita fin da piccolissima, visto che a soli 5 anni fa già parte del San Giorgio Fregene. Dal 2006 è stata scelta dal Volleyrò Casal De’ Pazzi, club con cui disputa per la prima volta la B1 e alternandosi abilmente tra la terza categoria nazionale e i campionati giovanili. Le ottime prestazioni le hanno permesso di essere convocata dai tecnici federali e di conquistare una medaglia dopo l’altra alle Olimpiadi Giovanili, agli Europei e ai Mondiali. Nella stagione 2012-2013 viene ingaggiata dall’Imoco di Conegliano in A1, esordendo di fatto nella pallavolo professionistica.

L’anno successivo è quello dell’approdo a Modena che le consente di giocare ancora in A1 e soprattutto al fianco di un mostro sacro come Francesca Piccinini. Le due stagioni in Emilia culminano con una chiamata internazionale, quella dell’Hämeenlinnan Pallokerho Naiset, squadra finlandese che amplia la sua conoscenza della pallavolo. La carriera è poi proseguita con la pallavolo Cisterna dal 2016 (in A2), l’Academy Sassuolo in B1 nel 2017-2018 e l’Hermaea Olbia nel 2018-2019. In Sardegna rimane per un biennio, trasferendosi successivamente all’Helvia Recina, formazione con cui conquista la Coppa Italia. È stata poi nuovamente una giocatrice di Olbia, in A2, prima di tingere di rossonero la sua carriera.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non c’è due senza tre: Ilaria Maruotti punto fermo della Narconon Melendugno

LeccePrima è in caricamento