Giornata nazionale per la lotta alla sordità. Aderisce anche il “Fazzi”

Il nosocomio leccese, tra i 250 ospedali italiani che hanno aderito alla giornata di sensibilizzazione contro il problema della sordità. Ben 7milioni sono gli individui che solo sul suolo nazionale soffrono di disturbi dell'udito

Ospedale leccese

LECCE - In Europa 23 milioni di persone soffrono di disturbi uditivi; tra questi ben 7 milioni sono italiani, dei quali oltre il 12% con sordità grave invalidante e conseguente handicap di rilevanza sociale. Tra la percentuale italiana, l’1% sono bambini al di sotto di 3 anni, il 2% bambini tra i 4 e i 12 anni, il 4% soggetti dai 13 ai 45 anni, il 10% dai 46 ai 60 anni, il 25% dai 61 agli 80 anni e il 50% sono ultraottantenni. Queste le cifre allarmanti fornite dall’A.i.r.s. (l’associazione italiana per la ricerca sulla sordità – onlus), che anche quest’anno ha promosso la giornata nazionale per la lotta alla sordità, che avrà luogo lunedì 28 novembre.

In 250 ospedali distribuiti su tutto il territorio nazionale, il personale medico e paramedico delle unità operative di otorinolaringoiatria, che partecipano all’iniziativa, sarà a disposizione per una valutazione clinica gratuita dell’udito e per fornire informazioni di base utili alla migliore conoscenza del problema sordità, per contribuire con ciò ad aumentare il livello di conoscenza sulle opportunità di prevenzione e per sensibilizzare l’opinione pubblica al problema della sordità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giunta alla nona edizione la giornata, che si svolge sotto l’alto patronato del presidente della Repubblica, gode del patrocinio del Ministero della salute, della presidenza del consiglio dei Ministri, della società italiana di audiologia e foniatria, del Ministero dell’università e della ricerca, dell’ente nazionale per la protezione e l’assistenza dei sordi, della Fiadda (associazione nazionale famiglie audiolesi), e si tiene sotto gli auspici della società italiana di otorinolaringologia e chirurgia cervico-facciale. L’unità operativa di otorinolaringoiatria dell’ospedale “V. Fazzi” di Lecce, diretta da Michele De Benedetto, anche quest’anno, come negli anni scorsi, ha aderito all’iniziativa, garantendo su prenotazione un esame audiometrico presso l’ambulatorio specifico al 3° piano dell’ospedale leccese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento