rotate-mobile

Il fronte occidentale: i canadair arrestano l’avanzata delle fiamme verso le strutture turistiche

Per tutta la notte i vigili del fuoco hanno bonificato l'ampia area interessata, in località Torre Mozza, da incendi che, sospinti dal vento, sembravano diretti verso alcuni villaggi: evacuati temporaneamente circa 600 turisti

TORRE MOZZA (Ugento) - Nelle immagini le alte colonne di fumo sprigionate dai roghi che si sono sviluppati nelle campagne a ridosso di Torre Mozza, marina di Ugento (qui l'articolo).

L'avanzamento del fronte del fuoco ha suggerito, per precauzione, l'evacuazione temporanea di una struttura ricettiva e la comunicazione dello stato di allerta per altre due (con raggruppamento degli ospiti), per un totale di circa 600 turisti. Dal cielo sono intervenuti due canadair contribuendo in maniera decisiva ad arginare gli incendi. L'allarme è poi rientrato e le operazioni di bonifica da parte di vigili del fuoco sono andate avanti tutta la notte e stanno proseguendo questa mattina.

Sono stati interessati circa 200 ettari tra bosco, macchia mediterranea e incolto. Sul posto stanno le sezioni operative provenienti dai comandi di Matera, Potenza, Caserta, Avellino e altre squadre di protezione civile. L’incendio, partito alle 14 di ieri, minacciando strutture ricettive e abitazioni, ha visto impegnate le squadre dei vigili del fuoco di Gallipoli, Ugento, associazioni di protezione civile, Arif e forze di polizia tutte coordinate dal Dos (Direttore operazioni di spegnimento) dei vigili del fuoco, il quale ha diretto anche l’attività aerea di due canadair

Quest’ultimi hanno effettuato circa settanta lanci prima di riuscire a fermare i due fronti dell’incendio il quale è stato definito “sotto controllo” alle ore 20.

Video popolari

Il fronte occidentale: i canadair arrestano l’avanzata delle fiamme verso le strutture turistiche

LeccePrima è in caricamento