rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024

Agostino Ciucci: “Veniamo dalle stanze del dissenso: siamo per le idee, non per l’ideologia”

LECCE - Medico di professione e operativo presso il pronto soccorso dell’ospedale di Lecce, ben noto per le posizioni assunte nel tempo contro l’obbligo vaccinale ed emerse nel corso della pandemia da Covid-19, Agostino Ciucci è il quarto candidato alla carica di sindaco di Lecce. Un outsider, se così si può dire, che ha scelto di correre da solo, rispetto ai blocchi “storici” che sostengono Carlo Salvemini e Adriana Poli Bortone. Un po’ come l’esperto di marketing Alberto Siculella, anch’egli candidato alla carica di primo cittadino e che aveva annunciato la sua decisione giù nel marzo scorso.

Ciucci si è presentato ufficialmente alla città questa mattina, con la lista Diritti e Civiltà per Lecce, scegliendo la cornice dell’ex Convitto Palmieri per una conferenza stampa. Tanti i temi sul tavolo, partendo dalla viabilità e arrivando alle esigenze di anziani e giovani, ma, con senso pratico, ha ricordato che non è possibile fare troppe promesse, quando non si sia già addentro alla macchina amministrativa, per avere contezza di quelle risorse dietro le quali risiede la fattibilità di ogni progetto. Più che di promesse, allora ha preferito parlare di persone. Persone che ci metteranno “sacrificio, impegno, tenacia, onestà intellettuale”.

Indubbiamente, fra le tematiche che stanno più a cuore ad Agostino Ciucci vi è la sanità, visto che è lo scenario all’interno del quale si muove quotidianamente. E, ben sapendo che nei flussi in entrata il pronto soccorso è praticamente schiacciato, ha spiegato che lavorerebbe sullo sviluppo delle case della salute per evitare il sovraccarico. Allo stesso modo, ha ricordato che nei flussi in uscita il turnover è molto ampio, “perché non siamo in grado di accogliere i pazienti cronici. Siamo il cuscinetto di una situazione che non va e ci stanno sacrificando alla sanità privata”.

“I componenti di questa lista – ha detto, ancora, Ciucci – vengono dalle stanze del dissenso. Saremo i garanti della costituzione. Non abbiamo una connotazione politica. Siamo per le idee, non per le ideologie. Andiamo da soli, non abbiamo liste d’appoggio. Siamo un gruppo di persone che vogliono portare avanti una politica che viene dal basso”.

Qui l'articolo

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Video popolari

Agostino Ciucci: “Veniamo dalle stanze del dissenso: siamo per le idee, non per l’ideologia”

LeccePrima è in caricamento