Mercoledì, 23 Giugno 2021
Casarano

"Giornata della memoria" al liceo scientifico Vanini di Casarano

Martedì 26 gennaio 2016 alle ore 9:30 presso l'Auditorium Readings e Musica del ” Vanini Ensemble”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Martedì 26 gennaio 2016 alle ore 9:30 presso l'Auditorium del Liceo Scientifico G. C. Vanini a Casarano si svolgerà "La Giornata della Memoria" - Readings e Musica del gruppo musicale ” Vanini Ensemble” messa a punto dal progetto Vanini Café. Un gruppo di ragazzi appassionati alla lettura ogni mercoledì pomeriggio si riunisce per leggere e commentare libri trattanti temi precedentemente concordati e per approfondire l'epoca storica in cui è ambientato il romanzo, anche analizzando le correnti artistiche e culturali che hanno influenzato il tempo.

Ospite d'onore la scrittrice milanese Elena Rausa che per l'occasione presenterà il suo libro “Marta nella corrente”.

Il romanzo esprime la sensibilità dell'autrice che in un’intervista rilasciata a “Sololibri” dichiara: “Prima di pensare alla scrittura mi sono appassionata alla storia reale di tre ragazzi che furono arrestati proprio nel dicembre 1943 sulle montagne che frequento fin da bambina. ”

Il romanzo è un intreccio di storie e personaggi; il primo che si incontra è la piccola Marta che in un giorno d'estate, mentre fuori si festeggiava la vittoria dei mondiali dell'82, a soli 7 anni resta orfana; rimasta sola al mondo va a vivere con il nonno, per lei uno sconosciuto, del quale non sapeva nemmeno l'esistenza.

Il secondo è un uomo sui 60 anni di età, che è in eterno conflitto con la figlia, con la quale da dieci anni aveva chiuso ogni rapporto e nel momento in cui viene a sapere della sua morte viene a conoscenza anche dell'esistenza della nipote. Dolore e compassione cancellano tuttavia le colpe e i torti degli anni; e così l’uomo non esita a prendersi totalmente cura della nipote e ne chiede l'affidamento.

La piccola Marta sentendosi abbandonata si chiude in se stessa e ad aiutarla compare nel romanzo il terzo personaggio, Emma Donati, che non è soltanto una psicologa.

Le due storie a questo punto si intersecano: anche Emma come Marta racchiude nel cuore un immenso dolore; l'esperienza vissuta in gioventù nel campo di deportazione ad Auschwitz è straziante. Insieme a Marta trova il coraggio di affrontare il dolore e ricominciare a vivere. La figura di Emma è frutto di invenzione, ma trae ispirazione dalla vicenda reale di Luciana Nissim Momigliano, una donna sopravvissuta alla deportazione.

Questa storia mette in risalto la sofferenza dei sopravvissuti che in tutti gli anni della loro vita si sono portati nel cuore la tragedia della Shoah. Ma non solo; presenta anche uno squarcio della Milano degli anni Ottanta.

Nell'incontro la scrittrice Elena Rausa racconterà come nasce il suo romanzo e proporrà dei brani accompagnati dalla musica del gruppo del Vanini.

Giulia Garofalo
per VaninInside

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Giornata della memoria" al liceo scientifico Vanini di Casarano

LeccePrima è in caricamento