Giovedì, 29 Luglio 2021
Casarano Contrada Spani

Picchiano due anziani. Presi baby-rapinatori, caccia al complice

Un 20enne ed un 16enne sono stati arrestati perché ritenuti gli autori di un colpo messo a segno a Taurisano. Ad incastrarli, bastone e indumenti utilizzati nell'episodio. I carabinieri sono sulle tracce di un terzo ragazzo

Il bastone utilizzato nella rapina

TAURISANO - In due sono finiti nei guai, nella notte, perché ritenuti responsabili di una rapina. Pierre Luigi Malagnino, 20enne, e M.M., 16enne, entrambi di Taurisano e noti alle forze dell'ordine sarebbero, infatti, gli autori del colpo consumato presso un'abitazione del luogo.Malagnino Pierre Luigi 2-2

Intorno alle 19 di mercoledì, tre giovani con il volto coperto da passamontagna si sono presentati presso la casa di una   coppia di anziani coniugi del luogo, residenti in contrada ”Spani”.

Armati di bastone, dotato di un particolare manico a forma di uncino, hanno colpito l'anziana donna, procurandole piccole lesioni ad una mano, giudicate guaribili in pochi giorni.

Facendosi  consegnare, sotto minaccia, il denaro presente in casa per un valore pari a 200 euro. Dopo aver rovistato  all’interno dell'appartamento, si sono impossessati anche di qualche monile in oro (collana, orecchini e fedi nunziali), per poi dileguarsi a piedi.

Intervenuti sul posto i carabinieri della stazione di Taurisano, in collaborazione con i colleghi del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Casarano, hanno immediatamente avviato le indagini.

Sulla base dei dati acquisiti, i militari dell'Arma hanno individuato due degli autori. Nel corso dei successivi accertamenti, sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro il bastone utilizzato, ritrovato a seguito di un perquisizione a casa del minore, un paio di scarpe ancora bagnate e appena lavate per rimuovere la presenza di eventuali tracce.

A casa di Malagnino, invece, gli inquirenti hanno rintracciato una tuta di colore blu, una felpa  e scarpe ginniche , ancora sporche di terra, utilizzate nella rapina. Le Indagini proseguono per rinvenire la refurtiva ed identificare l’altro complice. Su disposizione del pm della Procura della Repubblica di Lecce , Roberta Licci, e quello del tribunale dei MInori, Anna Carbonara, i due sono stati accompagnati presso il carcere Borgo San Nicola e quello minorile di Monteroni di Lecce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchiano due anziani. Presi baby-rapinatori, caccia al complice

LeccePrima è in caricamento