Casarano

"Non ho sigarette". E i bulli lo pestano in cinque e lo minacciano con una fiocina

Cinque giovani di Casarano denunciati alla Procura dei minori: hanno fra i 15 e i 17 anni. Il fatto ieri sera in una piazzetta di periferia. Avevano preso di mira da qualche giorno un 16enne. Alla fine hanno trovato il pretesto per pestarlo

CASARANO – “Hai una sigaretta?”, gli ha chiesto uno della banda. “No, non ne ho”, ha replicato quel ragazzone di 16 anni. E’ bastata queIla risposta per avere il pretesto di scatenare un pestaggio. E che pestaggio: calci e pugni, fino a scaraventarlo per terra.

Poi, come nei più scadenti B-movie, è spuntata anche l’arma “strana”. Una fiocina, impugnata da uno del gruppo. Non l’ha usata, per fortuna, ma l’ha soltanto brandita sotto il naso della vittima per fargli capire che con loro non c’era da scherzare, che i ceffoni erano solo l’antipasto.

Se l’era portata da casa, avrebbero ricostruito in seguito i carabinieri. E questo la dice lunga sul carattere aggressivo di almeno alcuni fra quei ragazzi. Come spesso accade, nei casi di bullismo, ci può essere un leader e altri che si fanno trascinare. Dinamiche note per una pessima storia, che arriva questa volta dalla periferia di Casarano.

Erano circa le 21 di ieri sera. Un gruppo di giovani, tutti minorenni, fra i 15 e i 17 anni, si era radunato come spesso accade in queste calde sere d’estate in una piazzetta. Quattro chiacchiere, magari una birra. Un punto d’aggregazione che s’è trasformato però in una trappola per uno di loro, un 16enne i cui genitori sono casaranesi residenti fuori per lavoro. E quante volte gioca un brutto tiro il fatto di non essere del tutto integrati. Anche questa una dinamica nota.  

Sembra che quel giovane, volto magari non del tutto nuovo agli altri, ma nemmeno abituale della zona, fosse già stato preso di mira da qualche giorno. Battute e battutine, e quel rancore sordo senza un vero motivo portante che spesso cova nei cuori dei più giovani, s’è trasformato ieri in violenza pura.

Quando il 16enne ha negato di avere sigarette a uno dei ragazzi, in cinque hanno iniziato prima a insultarlo, per poi saltargli letteralmente addosso, pestarlo e minacciarlo con quella fiocina. La cagnara non poteva certo passare inosservata. Urla e parolacce si sono levate al cielo, bussando a porte e finestre delle palazzine. E così sono partite alcune chiamate al 112.

Sul posto sono arrivati i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile e della stazione casaranese, ai quali è bastata una rapida indagine per identificare i cinque, denunciandoli a piede libero, e scovare anche la fiocina. Il 16enne, nel frattempo, è stato medicato dai sanitari. Ha riportato lesioni giudicate guaribili in pochi giorni. Il caso è stato segnalato alla Procura dei minorenni di Lecce.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non ho sigarette". E i bulli lo pestano in cinque e lo minacciano con una fiocina

LeccePrima è in caricamento