Giovedì, 17 Giugno 2021
Casarano

Casarano, disagi per lavori nelle scuole. Il sindaco: "Erano necessari"

I lavori riguardano gli istituti comprensivi primo, secondo e terzo polo delle vie Ruffano, Messina e IV Novembre per migliorare l’efficienza energetica con realizzazione di impianti fotovoltaici. "La tempistica non ha permesso di effettuarli nella pausa estiva"

Repertorio (@TM News/Infophoto).

CASARANO – Disagi per lavori in corso in due scuole di Casarano e proteste, ma il sindaco Gianni Stefano li ritiene necessari. E spiega per la tempistica dei finanziamenti, non si poteva agire prima.

I lavori riguardano gli istituti comprensivi primo, secondo e terzo polo delle vie Ruffano, Messina e IV Novembre per migliorare l’efficienza energetica con realizzazione di impianti fotovoltaici.

Si tratta di interventi finanziati con i fondi del Programma operativo interregionale energie rinnovabili e risparmio energetico Fesr 2007-2013. Il Comune di Casarano aveva proposto la propria candidatura il 5 agosto dello scorso anno. L’obiettivo, come da “Patto dei sindaci” cui Casarano aderisce, prevede un risparmio energetico, l’utilizzo delle fonti rinnovabili e la riduzione delle emissioni di CO2 del 20 per cento al 2020.

I lavori sugli edifici scolastici prevedono la sostituzione del generatore attuale con nuovo del tipo a pompa di calore e varie opere complementari, l'installazione di sistemi automatici per la regolazione della temperatura nei singoli ambienti e per la regolazione della temperatura del fluido vettore in mandata all’impianto sulla base di curva climatica, l'installazione di impianto per il trattamento e la distribuzione dell’aria primaria negli ambienti, la sostituzione delle illuminazioni con nuovi a led.

Saranno realizzati, come detto, anche impianti fotovoltaici sulla sommità degli edifici (ma anche su altri edifici pubblici), per una produzione di circa 570mila kWh all’anno. Di questi si stima che il 40 per cento sarà in autoconsumo, per un risparmio in bolletta, mentre l’altro 60 per cento sarà ceduto alla rete elettrica, con beneficio per le casse comunali.

“Si tratta di progetti finanziati con fondi statali e regionali, per un valore complessivo di circa 2milioni di euro”, spiega il primo cittadino. “I lavori sono iniziati subito dopo avere completato le procedure di gara, lo stretto tempo necessario, una volta ottenuti i finanziamenti”.

“Il Comune è obbligato a spendere le risorse entro il prossimo 31 dicembre, per tempistiche legate al finanziamento. Queste precisazioni sono utili a spiegare che i lavori devono necessariamente essere eseguiti in questo periodo, non potevano essere né anticipati, né posticipati”.

Stefano si scusa per i disagi, visto si è nel pieno dell’anno scolastico. “Sarebbe stato ovviamente meglio se i lavori fossero stati eseguiti nella pausa estiva, ma per la tempistica dei finanziamenti ciò non è stato possibile, e quei fondi sono indispensabili se vogliamo avere gli edifici scolastici efficienti”.

“Qualcuno ha avuto di che lamentarsi – ricorda -, è comprensibile poiché non si conciliano facilmente con l’attività didattica. Ma, allo stesso tempo, ritengo che le finalità degli interventi giustifichino qualche sacrificio, dopo tutto i lavori sono funzionali per fornire degli edifici scolastici migliori ai nostri ragazzi e al corpo docente”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casarano, disagi per lavori nelle scuole. Il sindaco: "Erano necessari"

LeccePrima è in caricamento