Lunedì, 2 Agosto 2021
Casarano

Casarano, solo un pari a Noci. La vetta si allontana

Finisce 1-1, con la Virtus che collezione il quarto pareggio di fila e recrimina per l'arbitraggio a dir poco dubbio del direttore di gara: una costante, purtroppo, in questo campionato

A Noci nel recupero della gara rinviata il 16 dicembre per neve la Virtus Casarano cerca tre punti fondamentali per tenere vive le ambizioni del presidente De Masi che ha ribadito la fiducia a Rizzo dopo il pareggio a reti bianche di Ostuni. Tante defezioni tra le fila rossoazzurre, il tecnico ex Lecce schiera Mortari e D'anna a supporto di Taurino e Prisciandaro. Il calcio di punizione di Lio al primo minuto trattenuto con qualche difficoltà da Russo è il presagio che qualcosa non va. La prima insidia che la Virtus crea a Moro arriva al 17° , quando Taurino è rapido a girarsi ma la conclusione è centrale.

La gara è equilibrata e non vive grosse emozioni fino al 37° , quando Leonsini calcia in porta la punizione dalla media distanza: il pallone sembra innocuo, ma Russo buca l'intervento e concede il vantaggio ai padroni di casa. Un errore che ha del clamoroso quello del portiere rossoazzurro, che ha abituato i suoi tifosi ad altissimi standard di rendimento. Il gol del Noci scuote Oliva e compagni che sembrano più convinti e reclamano per un mani in area biancazzurra che sembra evidente per tutti meno che per arbitro e collaboratori.

La protesta è veemente quanto evidente sembra il rigore, il signor Del Rosso si avvicina a Rizzo e lo espelle. I salentini però non si demoralizzano e passano allo scadere della prima frazione con Prisciandaro abile ad inzuccare imparabilmente alle spalle di Moro. La ripresa sembra diversa, dopo 8 minuti D'anna ha l'occasione per mettere dentro il 2 a 1 ma calcia alto da pochi passi. Al 17° Prisciandaro prova a concedere il bis ma Moro si supera volando a togliere il pallone dal sette.

Sul calcio d'angolo si accende una mischia con Rosciglione che non trova la porta da pochi passi ma sembra vistosamente trattenuto. La virtus spinge e al 36° ancora Prisciandaro va vicinissimo al gol ma il suo sinistro si spegne di pochissimo a lato della porta nocese. Finisce 1-1, con la Virtus che collezione il quarto pareggio di fila e recrimina per l'arbitraggio a dir poco dubbio del direttore di gara: una costante, purtroppo, in questo campionato. Ma non c'è il tempo per recriminare: la vetta si allontana sempre di più e bisogna tornare alla vittoria già domenica contro il Mesagne.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casarano, solo un pari a Noci. La vetta si allontana

LeccePrima è in caricamento