Giovedì, 29 Luglio 2021
Casarano

e-government e Pit9: il primato di Casarano

S'è svolto il convegno su "Competitività territoriale e rilancio dei Suap": gestione elettronica come strumento per avvicinare amministrazioni ed imprese. Alla luce delle nuove norme in discussione

"Competitività territoriale e rilancio dei Suap. Strategie di buon governo nel Pit9". Il rilancio dello Sportello unico per le attività produttive è stato il tema centrale del dibattito che si è svolto questa mattina a Casarano, presso l'Auditorium fondazione Filograna. Obiettivo: sensibilizzare amministratori, dirigenti e funzionari delle amministrazioni dell'Area Vasta Sud Salento, ma anche cittadini, aziende, ordini professionali e altre amministrazione pubbliche del territorio sul ruolo dello Sportello unico, inteso come strumento di semplificazione delle procedure e della trasparenza amministrativa ed elemento centrale nella creazione di qualità immateriale territoriale, ormai considerata da moltissimi osservatori e analisti l'unica in grado di sostenere i territori nella competizione globale.

Alla base, avviare una riflessione sullo stato dell'arte nel territorio del Basso Salento, anche alla luce della discussione sulla nuova normativa che al momento è in fase di discussione al Senato. Gli amministratori del Basso Salento si sono quindi incontrati per discutere sulle prospettive di questo strumento, partendo da quanto di buono è stato fatto finora. "Elemento essenziale nella strategia di e-government territoriale, lo Sportello unico per le attività produttive vive oggi una fase di passaggio", ha spiegato il sindaco di Casarano, comune capofila, Remigio Venuti. "Il progetto di ampliamento e consolidamento Suap, promosso dal progetto integrato di piano territoriale Pit9 sistema Sud Salento ha l'obiettivo di giungere all'implementazione di sistemi integrati per l'automazione infotelematica dei procedimenti tramite la gestione elettronica completa delle pratiche, ma, soprattutto, concorrere all'attuazione di uno scenario dove la pubblica amministrazione riesca a svolgere un ruolo sempre più centrale e determinante nei processi di riposizionamento territoriale, vera e propria alleata dei cittadini, delle imprese, degli uomini e delle donne che abitano questa terra e del loro futuro".

A tale proposito "la realtà casaranese, e dei comuni affiliati - come ha spiegato oggi l'assessore regionale all'Assetto territoriale, Angela Barbanente - è uno dei fiori all'occhiello della Puglia. Un tipico esempio di amministrazione vicina ai cittadini, alle imprese. Lo sportello unico in Puglia - ha aggiunto - vanta una serie di realtà che stanno lavorando molto bene da diverso tempo e Casarano è una di queste. Noi vogliamo rendere questa regione ancora più virtuosa. Vogliamo che sia maggiormente snellito il procedimento amministrativo perché riteniamo che sia uno dei maggiori costi che gravano sulle nostre imprese e che le rendono meno competitive a livello internazionale. Questa è il motivo per cui la Regione Puglia, d'intesa con i comuni, ha partecipato alla realizzazione delle nuove linee guida".


All'incontro hanno partecipato anche Silvio Astore, presidente dell'assemblea dei sindaci Pit9, Raffaello Sestini, capo ufficio legislativo del ministero per lo Sviluppo economico, Antonio Corvino, direttore di Confindustria Lecce. Contributi anche da parte di Giuseppe Petruzzi, referente del progetto "Ampliamento e consolidamento Suap", Gabriele Marchese, dirigente del Settore attività produttive del Comune di Palermo, Nicola Melideo, responsabile dell'Area innovazione per le Regioni e gli enti locali, Cnipa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

e-government e Pit9: il primato di Casarano

LeccePrima è in caricamento