Sabato, 31 Luglio 2021
Casarano

Il Comune sperimenta la dematerializzazione degli atti amministrativi

Il nuovo sistema applicato a Casarano prevede la completa integrazione tra gli applicativi degli atti amministrativi e quelli che gestiscono la contabilità. Il sindaco Stefàno: "Così potremmo ridurre i tempi dei procedimenti"

CASARANO - Il Comune di Casarano dematerializza. In questi giorni gli uffici comunali stanno utilizzando in via sperimentale le funzionalità e le potenzialità del programma per la dematerializzazione degli atti amministrativi. Si tratta di un progetto avviato già da tempo ma che non è stato ancora reso operativo.

La nuova amministrazione, ed in particolare l’assessore agli Affari generali, Laura Parrotta, che ha seguito direttamente la materia, avuta conoscenza dell’esistenza di un gestionale, già installato e funzionante, e non ancora utilizzato, ha subito attivato le procedure per sfruttarne a pieno le potenzialità.

Nei mesi scorsi è stata fatta la formazione del personale che utilizzerà l’applicativo e in questi giorni gli uffici lo stanno utilizzando in modalità transitoria. Il nuovo sistema prevede la completa integrazione tra gli applicativi che gestiscono gli atti amministrativi e quelli che gestiscono la contabilità. A regime si potrà monitorare in tempo reale l’iter degli atti amministrativi, i responsabili delle risorse potranno operare direttamente sugli stanziamenti di propria competenza, si risparmierà tempo con conseguente migliore utilizzo delle risorse umane, si risparmierà carta.

“Stiamo intervenendo – spiega il sindaco Gianni Stefàno - in tutti gli ambiti che consentono di migliorare l’efficienza della macchina amministrativa. Abbiamo rilevato che c’era da tempo istallato questo programma che consente di gestire gli atti amministrativi in forma integrata con la contabilità, già pagati dal Comune, ma che non ha mai reso operativo chi ci ha preceduto”.

“Le potenzialità di questo gestionale – prosegue - permetteranno di ridurre i tempi dei procedimenti amministrativi, di averne il monitoraggio ed il pieno controllo, a vantaggio sia della stesso apparato burocratico sia degli organi politici, ma soprattutto dei cittadini e degli operatori esterni che a vario titolo si interfacciano con il Comune”.

Per Stefàno, la situazione del Comune richiede tutta l’attenzione possibile per migliorare la produttività del ridotto personale presente in organico: “Oltre a migliorarne l’efficienza – conclude -, con questo intervento riduciamo le spese di funzionamento della struttura burocratica,  non riesco a spiegarmi perché chi ci ha preceduto non lo ha fatto”.

 

 

 

 

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune sperimenta la dematerializzazione degli atti amministrativi

LeccePrima è in caricamento