Venerdì, 24 Settembre 2021
Casarano Ugento

Insospettabile dipendente di un'azienda gestiva bazar della droga

Cocaina, marijuana, hashish, metanfetamine. I carabinieri hanno trovato stupefacenti per oltre 2 chili e praticamente ovunque: in casa, nell'armadio personale sul luogo di lavoro, persino negli slip. Arrestato un 41enne

CASARANO – La droga? I carabinieri l’hanno trovata ovunque. In casa, sul luogo di lavoro, persino negli slip. Sembra che non ci fosse un solo angolo, addosso a se stesso, nelle stanze della propria abitazione, o dove lavora, in cui non dovesse spuntare hashish, marijuana cocaina o Md.

Enrico Tornese, 41enne di Ugento, ma domiciliato a Casarano per questioni professionali (referente telematico per un’azienda di servizi, della quale è dipendente) aveva sostanze per far fronte a qualsiasi richiesta. Quindi, attore di fronte a un pubblico variegato, dal ragazzo desideroso di farsi uno spinello, all’uomo in cerca di qualcosa di più forte per “tirarsi su”.

Trovati oltre 3mila euro in casa

Un business lucroso, a giudicare dai soldi ritrovati. Oltre a una gran quantità di stupefacenti, infatti, i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Casarano hanno sequestrato ben 3mila e 300 euro in contanti. Soldi in tagli da 5, 10, 20 e 50 euro, che, appunto, si sospetta siano incassi dall’attività parallela a quella ufficiale.

Detenzione fini di spaccio di sostanze stupefacenti, l’accusa per la quale l’insospettabile Tornese è stato condotto in carcere. Già tenuto d’occhio da giorni, visto che su di lui si erano addensati grossi dubbi, i militari sono partiti da una perquisizione personale, arrivando, strada facendo, a scovare oltre 2 chili di droghe d’ogni tipo.

La droga anche negli slip

TORNESE ENRICO-2La prima sostanza trovata è stata dell’hashish, quando è stato fermato per un controllo. Tornese ne celava ben 16 grammi negli slip. I militari, così, hanno proseguito le ispezioni in casa e in cucina non hanno notato solo pasta, formaggio e comuni alimenti, ma anche altro, di loro più pressante interesse. Ovvero: due involucri con un totale di 1 chilo e 110  grammi di marijuana, tre panetti della stessa sostanza per altri 215 grammi, ventiquattro dosi di Md (metanfetamine) per 60 grammi, tre bilancini di precisione, materiale per sigillare confezioni e la cospicua somma di denaro.

Sostanze nell'armadietto sul lavoro

Già questo sarebbe stato più che sufficiente per far scattare l’arresto. Ma i carabinieri non si sono fermati lì e hanno deciso di verificare anche sul luogo di lavoro. E, come si sospettava, anche qui non è mancata qualche sorpresa. Dal suo armadio personale, i militari hanno estratto un sacchetto di con 60 grammi di cocaina, sei panetti di hashish per 663 grammi, un altro involucro con 64 grammi di marijuana. Tutto finito sotto sequestro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insospettabile dipendente di un'azienda gestiva bazar della droga

LeccePrima è in caricamento