Venerdì, 24 Settembre 2021
Casarano Casarano

Morte cerebrale di un 77enne, prelevati fegato e reni col consenso dei familiari

L'uomo era ricoverato all'ospedale di Casarano da sabato per una emorragia massiva al cervello. Due équipe sono arrivate dal Policlinico di Bari, sede dei trapianti sui pazienti in attesa

CASARANO - Durato quasi 12 ore, il prelievo di fegato e reni da un paziente di 77 anni di cui era stata dichiarata la morte cerebrale, è stato possibile grazie al consenso dei familiari, non avendo l'uomo manifestato nel corso della sua vita alcuna dichiarazione di volontà in merito alla donazione degli organi.

Il prelievo è iniziato alle 18, dopo tutti gli accertamenti clinici necessari, e si è concluso intorno alle 4 del mattino, impegnando il personale del reparto di Anestesia e Rianimazione dell'ospedale "Ferrari" di Casarano - coordinato da Giancarlo Negro - e due equipe giunte dal Policlinico di Bari, sede dei trapianti sui pazienti in attesa. 

Il collegio medico che per legge deve accertare la morte nei soggetti colpiti da lesioni encefaliche è stato composto da un medico legale della Direzione Sanitaria, Anna Miggiano, dal rianimatore Giovanni Greco e dal neurologo Roberto De Masi. La Direzione generale di Asl Lecce ha ringraziato tutti gli operatori coinvolti della complesse operazioni e ha espresso il proprio cordoglio ai familiari, capaci in un momento di profonda sofferenza di donare la speranza ad altre persone.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte cerebrale di un 77enne, prelevati fegato e reni col consenso dei familiari

LeccePrima è in caricamento