Martedì, 15 Giugno 2021
Casarano

Palazzo D’Elia, per il Tar di Lecce è legittima la gara per i lavori di restauro

I giudici amministrativi hanno confermato l’aggiudicazione in favore di una ditta di Taurisano. Si era opposta la terza classificata

LECCE – E’ legittima la gara per l’affidamento dei lavori di restauro e recupero funzionale di Palazzo D’Elia a Casarano, per un importo di 1 milione e mezzo di euro. A stabilirlo, la seconda sezione del Tar di Lecce. La sentenza è di lunedì scorso. Viene respinto, dunque, il ricorso dell’impresa De Lentinis di Casarano, terza classificata, che aveva contestato lo svolgimento della gara e in particolare il possesso dei requisiti di partecipazione da parte dell’impresa aggiudicataria.

I giudici amministrativi (presidente Eleonora Di Santo, relatore Claudia Lattanzi) hanno confermato l’aggiudicazione in favore della ditta Venna di Taurisano, difesa dagli avvocati Pietro e Luigi Quinto, rilevando la infondatezza dei rilievi mossi nei confronti dei progettisti dell’impresa titolare della migliore offerta in gara.

I lavori riguardano uno degli edifici storici più noti del basso Salento e dovrebbero durare un anno, per rinnovarne l’antico splendore. Di origine cinquecentesca, si affaccia sull'omonima piazza con un'imponente facciata. L'edificio, di proprietà comunale, fu sede di Pretura durante il Regno d’Italia. Attualmente è un centro di attività culturali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo D’Elia, per il Tar di Lecce è legittima la gara per i lavori di restauro

LeccePrima è in caricamento