Sabato, 31 Luglio 2021
Casarano

Pisacane trionfa al 14esimo Rally di Casarano

Il pilota leccese Ivan Luigi Pisacane coglie il suo primo successo assoluto in carriera, battendo una concorrenza agguerrita

La vettura condotta dal trionfatore.

Che prima o poi sarebbe successo ci avrebbero scommesso in tanti e anche lui in fondo sembrava non aspettare che il momento giusto. Ma forse nessuno si sarebbe immaginato che sarebbe potuto accadere in questa edizione: eccezionale nei numeri e per qualità dei piloti in gara. Comunque ci doveva provare. Ci ha provato e alla fine eccolo lì, sul gradino più alto? a tentare di nascondere una commozione mista a felicità. Ivan Luigi Pisacane in quel di Casarano va a cogliere il suo primo successo assoluto in carriera. Un successo che arriva nel giorno in cui la sua carta di identità compie un altro giro. Davvero impressionante il ritmo di gara imposto dal pilota leccese in testa dall'inizio alla fine.

Al cospetto di una vettura la Clio Williams targata Ferrara Motors obiettivamente meno performante rispetto alla nutrita schiera di vetture N4 e S1600, il pilota leccese affiancato dal bravo e promettente Cristian Quarta vince 5 prove speciali di cui una a pari merito infliggendo distacchi davvero pesanti al gruppone di avversari. E che avversari. Seppur inizialmente e per certi versi "favorito" dall'immediato abbandono di Claudio De Cecco, out per rottura della frizione nel tratto di trasferimento verso Madonna del Casale, il lotto di pretendenti alla vittoria poteva contare su nomi di un certo calibro, parliamo di Francesco Laganà, Massimiliano Rendina, Bartolomeo Solitro ma anche dei locali Giuseppe Albano e Maurizio Di Gesù.

Ebbene Pisacane non ha lasciato interpretazioni di sorta su quali fossero le sue reali intenzioni gia dalla prima prova speciale: 1"8 su Laganà, 9" e 1 su Rendina, 9"2 sul sorprendente Umberto Crisigiovanni e 15 "e 7 su Albano. A dire il vero la pioggia caduta poco prima dell'alba lungo il litorale jonico ha reso scivoloso il primo tratto cronometrato che ha visto Maurizio Di Gesù perdere circa 30" a causa di 2 uscite facendolo precipitare in 30^ posizione, Un "lungo" costa a D'Amico la 14^ piazza, mentre l'alternatore mette k.o. De Santis. Foratura per Raffele Rinaldi che si vede raggiungere in prova da Solitro. Si "gira" Enrico Girardi che spegne il motore che a sua volta accusa problemi di temperatura.

In K10 si impone Tarantino con Di Francesco che sbaglia un inversione e perde circa 20", saluta la compagnia Ciardo che rompe le colonnette e arriva Fuori tempo massimo al c.o. 1. In A7 vince Siciliano davanti a Totisco. In FA7, detto di Pisacane e Crisigiovanni Umberto ci sono Cappilli e Antonio Crisigiovanni che partono prudenti con il primo che comunque è 10° assoluto. Papaleo rimane senza 3^ marcia mentre Masciullo accusa problemi al motore. Si ferma Stanca appiedato dalla pompa benzina. Bellissima la lotta in N3 con tre piloti ad occupare le posizioni che vanno dalla 7^ alla 9 dell'assoluta, davanti a tutti c'è il sorprendente, alla sua prima comparsa nel salento Gianni Stracqualursi , non è da meno Mascia che lo insegue ad un solo decimo. A 2 " e 4 c'è l'altro esordiente sulle strade del Salento Fabio Imbimbo.

L'incidente occorso ad Emanuele Cataldi impone la sospensione della speciale a partire da Luca Ciovacco. Per tutti gli altri dunque si provvede al calcolo del tempo forfetario. Si va sulla Marina di Alliste dove Pisacane rifila altri 8 secondi e 8 ad Albano, 10" e 5° Rendina e 15" e 4 a Di Gesù, ancora un "lungo" per D'Amico che accusa problemi alla pedaliera. In N4 ad inseguire Rendina c'è De Marco che precede Solitro, a seguito di una toccata si ferma Rinaldi, Girardi invece è senza bang, 3° tra le S1600 è Rizzello. Tarantino fa sua la K10 e raggiunge in prova la Delta di Centonze. Tocca invece Di Francesco che perde circa 40" e si ritrova 33° a oltre 38" da Tarantino. In A7 rivince ancora Siciliano che precede di 1" e 4 De Rosa. Un lungo costa 10" a Totisco mentre si ferma Marco Quarta. In FA7 è sempre Crisigiovanni ad inseguire Pisacane ma il pilota Casaranese si gira e perde circa 10" retrocedendo di 2 posizioni nell'assoluta. Nonostante un dritto con conseguente spegnimento del motore Gianni Stracqualursi si conferma leader in N3 seppur in coabitazione con Oscar Sorci. A 5 decimi c'è Imbimbo (per lui calcolo forfetario anche in questa ps) che a sua volta precede di 3" e 5 Luca Ciovacco che "pattina" per un pò prima di ritrovare le gomme in temperatura. Seguono nell'ordine Lucrezio che compie un dritto e Mascia che si gira e perde 20". Un uscita di strada appieda Musarò che causa il blocco della prova, dal 47 in poi nuovo tempo imposto.

Si ritorna su Madonna del Casale dove ancora una volta ad imporsi è Pisacane che abbassa il suo crono precedente di 9" e 3 infliggendo 8" e 6 a Rendina, 9" netti ad Albano e 10" e 6 a Crisigiovanni, Le giuste regolazioni d'assetto fanno salire in quinta posizione Solitro che precede Di Gesù. Rizzello si conferma 3° in S1600. In N4 dietro ai primi due c'è De Marco mentre Girardi alla luce anche degli inconvenienti occorsi sulle prime prove non forza per "maturare esperienza su un percorso molto tecnico". Tarantino rivince la K10 ma a causa di un errore del suo navigatore che timbra in anticipo al c.o. si vede affibbiare 2 minuti di penalità. La A7 vede stavolta la vittoria di Totisco che precede di 4"e 1 Siciliano e di 12" e 4 De Rosa. Ad inseguire il consolidato duo di testa in FA7 c'è Cappilli che precede Antonio Crisigiovanni che si ritrova inspiegabilmente con una gomma afflosciata.

La N3 conferma ancora una volta l'abilità di guida di Stracqualursi che si impone con 2" e 4 su Imbimbo e 5" e 8 su Sorci. Prmiceri è 5° e precede Pepe. Adamuccio è primo in FN3 seguito da Lacatena. In A6 è il 21 enne di Frosinone Lorenzo Sciscione a dettare legge bellissima prestazione la sua 14° tempo assoluto, ad inseguirlo Martina staccato di 15" e 1. Terzo è Roberto De Maria. In K0 si impone Balsamo che lamenta problemi con la temperatura dell'acqua. Velocissimo anche il pilota di Fontana Liri Emanuele Giannetti che vince la N2 con 4" e 5 su Montagna, 10" e 4 su Paolo Garzia e 11" e 5 su Davide Catalano. In FN1 vince Angelini davanti a Gianluca Martina e Daniele Ferilli.

A metà gara la classifica assoluta vede 1° Pisacane, Rendina a 28"2, 3°Albano a 33"5 quindi Umberto Crisigiovanni a 39" 8 poi De Marco a 51"2 Rizzello a 55"8 , 7°D'Amico a 1'01"1, Stracqualursi a 1'03"5 9°Solitro a 1'05"7, 10°Antonio Crisigiovanni a 49"5. Nelle Classi: in K10 Di Francesco è primo con Tarantino che recupera tantissimo arrivando a coprire un gap di 48"7. In N3 dietro a Stracqualursi troviamo Imbimbo a 5"4 a 11"8 Sorci quindi Ciovacco a 20"6. In A7 primeggia Siciliano con 21"4 su Totisco e 33"8 su De Maria. In FA7 Cappilli è 3° a 37"7 4°Antonio Crisigiovanni a 55"6. In A6 Sciscione primo con Martina a 55"4. In K0 Balsamo precede di 2'29 Seclì che pagano un "ritardo iniziale". Giannetti primo in N2, a 16"5 Montagna, Garzia 3° a 38". In FN1 Angelini primo a 33"Martina, a un minuto esatto Ferilli.

La quarta ps la vince ancora Pisacane che migliora il suo precedente passaggio di 6"6 con Rendina che nonostante una partenza sbagliata limita i danni rimanendo in scia a un solo secondo e 5. Staccato di 9"5 Albano, quarto tempo per D'Amico a 12"5 che precede Di Gesù il quale nelle ultime curve tocca con il posteriore destro piegando la ruota. Arriva al riordino con un principio d'incendio all'impianto frenante che lo costringe ad alzare bandiera bianca. Si ritira Rizzello che esce di strada. In K10 incredibile prestazione di Tarantino che in un sol colpo non solo azzera il ritardo da Di Francesco che a sua volta perde tutto a causa di un "dritto" ma realizza pure il decimo tempo assoluto a 23"1 da Pisacane passando a comandare le operazioni nella classe con 8" di vantaggio. In A7 vince De Rosa che matura sempre più affiatamento con la vettura, 2° è Siciliano a 8"5. Terzo è Papaleo a 23"8. Totisco urta e perde 30" come anche la seconda piazza nella generale di classe. In FA7 2° è Cappilli a 21"3 prestazione che gli consente anche di entrare nei primi 10 dell'assoluta con Umberto Crisigiovanni che compie un dritto perdendo qualcosa e Antonio Crisigiovanni che raggiunge in prova Schiavano, è comunque 4° a 37"1 da Pisacane. In N3 vince Luca Ciovacco con 1"3 su Stracqualursi, 3° è Lucrezio a 2"7. Escono di strada 2 illustri protagonisti fin'ora della classe in un sol colpo vanno fuori Sorci e Imbimbo. A Zompì salta la 2^marcia mentre prosegue in maniera anche positiva il suo "apprendistato" col mondo delle corse Salvatore Invidia. In FN3 vince Lacatena con 22"3 su Adamuccio. Che compie un dritto e perde circa 40". In A6 continua il dominio di Sciscione che vince con 29" di vantaggio su Martina, a 54"4 De Maria. In K0 comanda sempre Balsamo con Seclì a 50"8. Vince la N2 in questa prova Garzia che si impone su Montagna per 1"5 e su Giannetti per 4"6 il quale accusa problemi allo spingidisco e ai freni. In FN1 vince Samuel D'Adamo con 12"3 su Ferilli e 37"4 su Filoni.

In virtù del calcolo del tempo forfetario della 5 prova Pisacane risulta vincitore a pari merito con Albano. La speciale viene percorsa in gara solo da Albano appunto e Greco a tutti gli altri il calcolo in base alle percentuali. Si va quindi sull'ultima prova che vede la vittoria di Rendina che senza prendere rischi inutili stacca di 1"4 Pisacane, di 5"5 Albano e di 9"6 il sorprendente Tarantino. 5° è Solitro a 12"7, segue Umberto Crisigiovanni a 12"8 e De Marco a 13"4. 8° Cappilli quindi Crisigiovanni Antonio. Si fa vedere nei piani alti Girardi che realizza il 10°tempo assoluto.
Si conclude così dunque con la vittoria di Ivan Pisacane questa intensa 14°edizione del Rally città di Casarano. Alle sue spalle si piazza un mai domo Massimiliano Rendina che c'è la messa davvero tutta pur di vincere, ma non è bastato.

Sul terzo gradino del podio è salito Albano con alle sue spalle un regolarissimo Umberto Crisigiovanni. 5° posto per De Marco che ha preceduto Solitro. 7°Cappilli che si piazza 3°in FA7, 8° il bravissimo Gianni Stracqualursi che oltre a vincere la N3 e la tappa salentina del Corri con Clio si conferma anche leader della classifica del Challenge di zona per classi con due successi su 2. Nono e secondo di N3 Luca Ciovacco, nei primi 10 anche Antonio Crisigiovanni. Bella la gara di Sciscione, 11°assoluto, che vince in A6. Secondo di S1600 e 12° assoluto Gabriele Greco, Lucrezio 13° chiude 3° di N3, 2° nel Corri con Clio e primo nel Challenge delle Polizie. In A7 vince Siciliano che torna a vedere il traguardo di Piazza S.Domenico dopo 4 anni. De Rosa chiude 2°. In N2 Emanuele Giannetti sovverte ogni pronostico è nonostante i problemi alla frizione e ai freni vince davanti a Montagna e a Garzia. In K10 Tarantino dà un ulteriore conferma del suo valore recuperando anche i 2 minuti di penalità. In K0 vince Balsamo davanti a Seclì. In FN3 vittoria di Finguerra mentre in FN1 vince Ferilli. Nel trofeo Colt Cup dopo la mancata verifica tecnica del marocchino Belabdouuni e il ritiro di Olevano vittoria di De Falco. Nella classifica riservata alle scuderie trionfo della Casarano Rally Team davanti alla Salento Motor Sport e alla Esse4 Motor Sport.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisacane trionfa al 14esimo Rally di Casarano

LeccePrima è in caricamento