Casarano Via Amalfi

Banda del market nel “Conad” per la seconda volta. Indagine lampo: due arresti

Il supermercato di via Amalfi, a Casarano, già colpito nel mese di aprile, è stato nuovamente scelto per un'altra rapina. Armati di coltello, due individui hanno fatto irruzione intorno alle 17,30, per poi fuggire. Ma in serata i carabinieri li hanno identificati e arrestati. In casa del maggiorenne, anche una pinatina di "maria"

Il supermercato rapinato

CASARANO – Questa volta, per destare ancora meno sospetti, non hanno neppure atteso l’orario di chiusura. Due componenti della “banda del market” sono, infatti, tornati in azione. Armati di un coltello da cucina,  hanno fatto irruzione nel supermercato “Conad Vantaggiato", in via Amalfi, a Casarano, nei pressi dell’ospedale “Francesco Ferrari”, già preso di mira lo scorso 19 aprile, per poi darsi alla fuga con un bottino di circa mille euro.  Ma l'attività investigativa dei carabinieri, basata anche sul riscontro delle immagini del circuito di video-sorveglianza, ha consentito di procedere già in serata all'arresto di Francesco Coletta, 22enne  e di N.P.D., 17enne, entrambi di Casarano.

Il colpo è stato messo a segno intorno alle 17,15, davanti agli occhi esterrefatti di dipendenti e clienti dell’esercizio. I rapinatori hanno poi raggiunto rapidamente l’uscita, prima che sopraggiungessero i carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Casarano, guidati dal tenente Roberto Gaetano Mitola e dal capitano Aniello Mattera. Sul posto sono anche intervenuti gi agenti di polizia del commissariato di Taurisano, per fornire supporto agli uomini dell'Arma.

Immediata la caccia ai due ragazzi, scappati a piedi, lungo le vie adiacenti. E' stato un militare del Norm di Casarano, libero dal servizio, che ha notato Coletta uscire dalla propria abitazione, con abiti e scarpe uguali a quelle notate dai testimoni durante la rapina. Il carabiniere, allertato dai colleghi, ha subito fermato il giovane, per poi accompagnarlo in caserma. Scattata la perquisizione personale, è stato trovato in possesso di 500 euro nascosti negli slip, che corrispondevano a metà della somma asportata.

_DSC0002 (1)-2A casa di Coletta, inoltre, sono stati trovati altri indumenti che corrispondevano a quelli indossati dall’altro rapinatore al momento dei fatti e, come se non bastasse,  anche una piantina di marijuana dall’altezza di circa 20 centimetri e un involucro, contenente  sempre la stessa sostanza, pari a poco più di due grammi.

Durante una successiva e accurata ispezione delle vie limitrofe al supermercato, è stato possibile  ritrovare anche uno dei passamontagna utilizzati per occultare il viso del minore. Appurato che parte della refurtiva era stata rinvenuta, gli indumenti pure e da una prima comparazione antropometrica le descrizioni dei due giovani corrispondevano a quelle ricavate dallo studio delle immagini, si è proceduto all’arresto dei due per rapina aggravata.Coletta Francesco-4

Il denaro recuperato è stato restituito al legittimo interessato. Gli indumenti sono stati posti sotto sequestro per i successivi accertamenti biologici. Al termine delle operazioni di rito, i due sono stati trasferiti  rispettivamente presso il carcere di Borgo San Nicola e presso il Centro di prima accoglienza per minori di Monteroni di Lecce.

Anche nella scorsa rapina, di un mese addietro, i rapinatori agirono utilizzando una lama. E, il giorno precedente, i malviventi irruppero in un altro supermercato, sempre della catena “Conad”, in via Ruffano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banda del market nel “Conad” per la seconda volta. Indagine lampo: due arresti

LeccePrima è in caricamento