Domenica, 13 Giugno 2021
Casarano

Ospedale di Casarano “depotenziato”, il sindaco scrive a Regione e Asl

Ottavio De Nuzzo ha interrogato Emiliano, Lopalco e Rollo sulla riduzione delle unità operative e sulla mancata attivazione del servizio per il dosaggio degli anticorpi vaccinali

L'ospedale di Casarano.

CASARANO – Il primo cittadino di Casarano scrive al governatore Michele Emiliano, all’assessore regionale Pier Luigi Lopalco e al direttore della Asl di Lecce, Rodolfo Rollo sulla vicenda relativa all’ospedale del luogo. Ottavio De Nuzzo chiede alle istituzioni che vengano apportate delle modifiche alla delibera del 18 maggio scorso, con la quale è stato approvato il Piano triennale del fabbisogno del personale.

“Rispetto alle unità operative assegnate a ogni ospedale, per quello di Casarano scompare l’unità operativa di Terapia intensiva, meno otto medici”, scrive nella missiva il sindaco della cittadina del basso Salento. “Una svista?”, si chiede. La seconda questione sollevata è relativa invece alla mancata attivazione del servizio per il dosaggio degli anticorpi vaccinali “Anti Sars-Cov 2”.

Un servizio, a detta del primo cittadino “di fondamentale importanza per contrastare il contagio” e che sarebbe stato attivato in tutti gli altri presidi sanitari fuorché in quello casaranese. Scongiurando il pericolo di “penalizzazione e depotenziamento del “Francesco Ferrari, il sindaco chiede dunque lumi ricordando come Emiliano abbia “promesso in campagna elettorale di riportare l’ospedale casaranese a essere classificato di primo livello”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Casarano “depotenziato”, il sindaco scrive a Regione e Asl

LeccePrima è in caricamento