Notizie da Galatina

Camionista reagisce alla rapina: disarmato e ferito al capo. Fermati in tre

Un 18enne e un 31enne arrestati dalla polizia per una rapina a Galatina, lo scorso 8 marzo. Denunciato un altro individuo

La polizia nel centro di Galatina.

GALATINA – Sono giovani i tre presunti autori di una violenta rapina consumata lo scorso 8 marzo, alla periferia di Galatina. Mattia Panico, di 31 anni e un 18enne, incensurato, sono stati infatti fermati nelle ultime ore dagli agenti del commissariato galatinese, guidato dal vicequestore Giovanni Bono. I poliziotti hanno inoltre denunciato in stato di libertà anche un altro 31enne, sempre per il reato di rapina aggravata e lesioni personali: quest’ultimo avrebbe ricoperto un ruolo più marginale rispetto agli altri due, fungendo da autista del gruppo.

Tutto è cominciato lo scorso 8 marzo, all’interno della stazione di servizio “Eni”, sulla via che da Galatina conduce a Gallipoli. I tre amici sarebbero arrivati nell'area di rifornimento a bordo di un’autovettura. Panico sarebbe visto scendere dall'abitacolo, per poi salire su un mezzo pesante, parcheggiato nel piazzale. Avrebbe costretto il camionista a sganciare la motrice e a consegnare contanti e telefono: una somma di appena 10 euro. La vittima, davanti alla prepotenza del rapinatore, ha però opposto resistenza. Una soluzione che gli è costata cara.

Ha infatti afferrato una mazza da baseball e si è messo all’inseguimento del malvivente. Ma il gruppo non ha per nulla desistitd5863e51-9679-4b76-8a81-573cc6c45c68-3o e, invece di abbandonare il piano, ha disarmato il malcapitato. Con quella stessa mazza, i tre lo hanno colpito più volte in più punti del corpo, ferendolo persino al capo. Diverse le lesioni riportate dal camionista. L’uomo, soccorso poco dopo, è stato accompagnato nel vicino ospedale “Santa Caterina Novella”, per le cure e gli accertamenti clinici. I tre, intanto, si sono dileguati a bordo della stessa auto con la quale avevano raggiuto la stazione di servizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini sono state complesse e articolate: il 31enne, infatti, ha trovato rifugio in un’abitazione di Gallipoli, dove è stato poi stanato dai poliziotti galatinesi. L’uomo, rintracciato, è stato perquisito e trovato anche con sette grammi di marijuana. Al termine delle formalità di rito, Panico è stato ristretto nel carcere di Borgo San Nicola, mentre il 18enne presso la sua stessa abitazione, ai domiciliari, perché completamente sconosciuto alle forze dell’ordine fino a questo momento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento