Galatina Galatina

Picchia la moglie, poi calci e pugni ai carabinieri. In manette un 45enne

Un uomo di nazionalità albanese, residente a Galatina, è stato arrestato nella serata di ieri dai militari dell'Arma. La segnalazione è giunta dalla stessa vittima, minacciata assieme ai due figli. Nonostante l'intervento delle forze dell'ordine, il 45enne ha continuato con aggressioni e colpi fino a quando, bloccato, è stato ristretto ai domiciliari

GALATINA – Un uomo di 45 anni, di nazionalità albanese, è finito in manette perché accusato, in flagranza di reato, di maltrattamenti in famiglia, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Nella serata di ieri, sul numero di emergenza 112, è giunta una telefonata di una donna che ha comunicato di essere stata appena picchiata e minacciata dal marito. Terrorizzata, ha chiesto aiuto ai carabinieri.

Sul posto è arrivata una pattuglia: i militari hanno suonato alla porta e ad aprire è stato lo stesso arrestato che, alla richiesta dei carabinieri di verificare le condizioni della moglie, ha sbattuto la porta rifiutandosi di fornire spiegazioni.

 I militari hanno bussato nuovamente e l’uomo ha riaperto: questa volta, però,  ha minacciato anche loro. Li ha colpiti con calci e pugni fino a quando gli uomini in divisa, con non poche difficoltà, sono riusciti a bloccarlo. Avuta la conferma che, soltanto alcuni minuti, si era scagliato anche contro la coniuge e i suoi due figli, il 45enne è stato condotto in caserma, per poi essere ristretto al regime degli arresti domiciliari, presso un altro domicilio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia la moglie, poi calci e pugni ai carabinieri. In manette un 45enne

LeccePrima è in caricamento