Sabato, 24 Luglio 2021
Galatina

Ruba cavi elettrici dalla Colacem, arrestato dipendente 54enne

La polizia è giunta all'uomo predisponendo un servizio nello stabilimento. E questa mattina, quando da poco erano trascorse le 6, all'uscita dei dipendenti che avevano terminato il turno, gli agenti hanno fermato un'auto

 

GALATINA – C’era qualcosa che non andava alla Colacem di Galatina, in via Corigliano, la nota azienda salentina che produce cemento. Furti periodici di cavi di rame, utilizzati per mettere in sicurezza il passaggio, nei cunicoli, di corrente elettrica, oppure cavi facenti parte dei rotoli  custoditi all’interno dei magazzini. E gli agenti del commissariato di Galatina hanno scoperto il ladro, sorpreso in flagranza di reato, come si dice in questi casi, e quindi arrestato con l’accusa di furto aggravato continuato. Si tratta Pietro Margari, 54 anni, di Galatina, operaio proprio presso la Colacem, mai avuto a che fare con la giustizia fino a questa mattina quando per lui è scattato l’arresto dopo il turno di lavoro.

La polizia è giunta all'uomo predisponendo un servizio di osservazione nello stabilimento. E questa mattina, quando da poco erano trascorse le 6, all’uscita dei dipendenti che avevano terminato il loro turno, gli agenti hanno fermato un’auto con l’assetto ribassato, che faceva intuire un carico, per così dire, alquanto ingiustificato. E guarda caso, durante il controllo più accurato, sia nel cofano che nell’abitacolo del mezzo sono saltati fuori diversi metri di cavi elettrici, tagliati a pezzi,  circa 274 chili, in tutto, per la precisione. La successiva perquisizione domiciliare eseguita  nell’abitazione dell’operaio, ha fatto il resto: sono stati scoperti altri cinque chili dello stesso cavo. Il materiale è stato sequestrato e restituito alla Colacem. In attesa di essere giudicato per direttissima, per il 54enne il magistrato di turno ha predisposto gli arresti domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba cavi elettrici dalla Colacem, arrestato dipendente 54enne

LeccePrima è in caricamento