rotate-mobile
Lunedì, 5 Dicembre 2022
Galatina Galatina

Undici anni alla guida del Commissariato, ritratto del vicequestore Bono

Da domani in pensione, nel Salento ha anche avviato e diretto Taurisano. "Speed Drug" fra le ultime operazioni più rilevanti

GALATINA – Trentadue anni in polizia, di cui quasi un terzo, circa undici, alla guida del Commissariato di Galatina. Pensionatosi per raggiunti limiti di età (da domani, 1° marzo), il vicequestore Giovanni Bono lascia il posto alla collega Eliana Martella, dopo aver conseguito diversi, importanti risultati nel Salento, e non solo. A Galatina vi era arrivato dal Commissariato di Taurisano, che aveva avviato e guidato. E, durante la direzione dei due Commissariati, diverse sono state le indagini condotte, che hanno portato a numerosi arresti, molti dei quali per 416 bis e per omicidio.

Sono da menzionare, fra le varie operazioni, “Santa Clause” nei territori del basso Salento, “Viribus Uniti” in gran parte della provincia di Lecce e “Speed Drug”, la più recente, condotta insieme con la Squadra mobile e riguardante, nel caso specifico, la parte d’inchiesta sui territori di Cutrofiano, Sogliano Cavour e Galatina.

II vicequestore Bono si è laureato nel 1986 in Giurisprudenza presso l’Università degli studi di Siena e si è abilitato all’esercizio della professione forense presso la Corte di appello di Lecce. L’ingresso nella Polizia di Stato risale al 1989, quando frequenta il 74° Corso di formazione per vicecommissari presso l’Istituto superiore di polizia a seguito del quale viene inviato al Reparto mobile di Reggio Calabria. Fra il 1990 e il 1991, in Puglia, partecipa a numerosi servizi di rimpatrio in Albania dei profughi sbarcati a bordo di una nave nel porto di Bari. 

In Sardegna, poi, presso la scuola di Polizia di Abbasanta, frequenta il corso di formazione e addestramento di Squadriglia antisequestro eliportata. Dal ministero dell’Interno viene quindi inviato in Basilicata a dirigere il Nucleo prevenzione crimine di Potenza.

Durante la lunga carriera ha svolto inoltre importanti servizi di ordine pubblico nella terra dei fuochi, in Campania, fra Napoli e Tersigno, per il problema delle discariche. In missione ha diretto diversi servizi di polizia a Catania presso il campo profughi di Mineo. Nel 2018 è stato insignito con l’onorificenza di Cavaliere della Repubblica dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Undici anni alla guida del Commissariato, ritratto del vicequestore Bono

LeccePrima è in caricamento