Galatina

Fiumi di droga sotto il letto e dentro un garage: in cinque in manette

Due operazioni quasi in contemporanea dei carabinieri della compagnia di Maglie e un filo sottile che le lega. Arrestati da un lato una coppia di Cutrofiano, dall'altro tre albanesi di Valona, bloccati a Noha di Galatina

CUTROFIANO – La coppietta di Cutrofiano dormiva su 26 chilogrammi di marijuana e 1 grammo di cocaina, quando sono spuntati all’improvviso i carabinieri. I tre albanesi di lì a poco intercettati a Noha, con un carico di altri 143 chili di “maria”, invece, probabilmente avevano passato una notte in spiaggia. Il carico custodito in garage era ancora umido, segno che non potesse essere stato raccolto molte ore prima.

Il collegamento fra i cinque personaggi? E’ presto detto. Prendendo spunto dal commercio, e volendo usare una metafora, i primi si potrebbero definire “negozianti al dettaglio” e gli altri tre “distributori intermedi”. I canali, quelli soliti: le terre balcaniche, con passaggio via mare verso le coste salentine. Ed è per questo che l’indagine dei carabinieri della compagna di Maglie, diretta dal capitano Giorgio Antonielli, sembra essere solo un passaggio, per quanto importante, di un lavoro che potrebbe portare in futuro altre, ancor più rilevanti sorprese.   

In arresto in queste ore sono finiti, da un lato Leonardo Lisi, 34enne e Adriana Minerba, 33enne, entrambi di Cutrofiano; dall’altro Glorent Jazo, 22enne, Gabriel Avdurramani, 23enne e Indrit Avdurramani, 28enne, tutti albanesi di  Valona, con domicilio temporaneo in Italia.  Le operazioni per le quali sono stati arrestati risultano distinte fra loro, ma collegabili attraverso un filo sottile. Da un cosa, insomma, sarebbe nata l’altra.

Il primo blitz in un'abitazione di Cutrofiano

La prima a finire nei guai è stata la coppia di Cutrofiano. I carabinieri dell’aliquota radiomobile della compagnia di Maglie, a seguito di indagini, hanno fatto irruzione all’alba in casa, per una perquisizione nella loro abitazione. Dovevano aver maturato sufficienti certezze su cosa avrebbero trovato.

Il nascondiglio era proprio sotto il letto. Ben 26 chili di marijuana nel contenitore sottostante, insieme alle lenzuola, chiusi in  trentacinque involucri sottovuoto. C'era anche un sacchetto con 1 grammo di cocaina. Ancora, dallo stesso vano i carabinieri hanno estratto due bilancini di precisione e vario altro materiale.

Il secondo blitz in un garage di Noha

Quasi contemporaneamente, mentre alcuni carabinieri erano a Cutrofiano, altri colleghi facevano scattare un secondo blitz. Erano le 7 circa quando a Noha, frazione di Galatina, i militari magliesi hanno sorpreso i tre albanesi mentre uscivano da un garage seminterrato. Bloccati ed emerso in breve come avessero materiale disponibilità di quello spazio per custodire veicoli, possedendone peraltro le chiavi, hanno avviato la perquisizione. E qui ecco spuntare ventidue involucri di cellophane contenenti 143 chili e 200 grammi di marijuana, una bilancia, materiale per confezionare la droga.

Il fatto, come detto, che i sacchi fossero umidi, lasciare trasparire la possibilità che la droga fosse arrivata sulle spiagge salentine di recente, forse solo la notte prima, dopo un viaggio in gommone nel Canale d’Otranto. Ma le indagini, come detto, non si chiudono certo qui.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiumi di droga sotto il letto e dentro un garage: in cinque in manette

LeccePrima è in caricamento