Lunedì, 26 Luglio 2021
Galatina

L’arte di strada si impara a scuola. Tre giorni di laboratori

Il collettivo di artisti Street Art South Italy ha allestito un laboratorio d'arte urbana nell'Istituto comprensivo di Soleto. E alla 167/B di Lecce si lavora ogni giorno per riqualificare gli spazi urbani

SOLETO – Non è detto che ci vogliano chissà quanti soldi per rendere gradevoli e più vivibili le strutture pubbliche in disuso o in attesa di manutenzione. Il più delle volte ci vuole solo buona volontà, fantasia e capacità creativa. Come quella dei ragazzi del collettivo Street Art South Italy che, per tre giorni, hanno allestito nell’Istituto comprensivo di Soleto in un laboratorio d’arte urbana.

Gli alunni della scuola, ma non solo, hanno potuto apprendere i rudimenti delle tecniche e le principali modalità di espressione dell’arte di strada, liberando poi la propria espressività in applicazioni pratiche. La street art da una parte educa i giovani al rispetto dell’ambiente urbano, perché consente a chiunque di identificarsi con lo spazio pubblico che si riqualifica, dall’altra avvicina il concetto di arte a persone spesso escluse, per connotazione sociale, dai circuiti tradizionali.

Superata una prima fase di diffidenza, dovuta al ripetersi di stereotipi in realtà piuttosto vuoti di significato, l’arte di strada è un presidio di educazione alla convivenza oltre che un percorso formativo in molte città italiane, e non solo nelle realtà metropolitane. A Lecce, in via Siracusa, esiste il “167/B street art” dove il collettivo Street Art South Italy opera quotidianamente per la riqualificazione di una delle zone più popolari della città.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’arte di strada si impara a scuola. Tre giorni di laboratori

LeccePrima è in caricamento