rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Galatina Galatina

Ladri rubano per la terza volta i cavi della luce: 30 per cento di strada al buio

Per la terza volta in poco tempo, sono scomparsi interi cavi di rame della linea elettrica di alimentazione dei pali di pubblica illuminazione lungo il tracciato della circonvallazione Sud-Ovest, da poco inaugurata. I danni ammontano a circa 7mila euro. L'amarezza dell'assessore Coccioli

GALATINA – A Galatina sta diventando ormai un caso. Per la terza volta in poco tempo, sono scomparsi interi cavi di rame della linea elettrica di alimentazione dei pali di pubblica illuminazione lungo il tracciato della circonvallazione. Nello specifico, è il tratto di recente costruzione a essere interessato da furti per danni che ammontano ogni volta a migliaia di euro.

I ladri sono talmente affamati di rame, che rischiano anche di rimanere folgorati pur di guadagnare qualche spicciolo. Perché è di questo che si sta parlando: si stima che il materiale rubato venga rivenduto "in nero" ai ricettatori a un terzo del costo originario. E a rimetterci (non ci si fa mai quasi caso) è doppiamente il cittadino. Uno, perché ovviamente sono impianti pubblici; la strada in questione è sotto giurisdizione della Provincia di Lecce. Due, perché per giorni, fin quando non si eseguono le riparazioni, si resta al buio, con tutti i rischi connessi per gli automobilisti.

Molto amareggiato è oggi l’assessore ai Lavori pubblici comunale, Andrea Coccioli, il quale porta a galla il fenomeno che ha colpito la circonvallazione Sud-Ovest. “Appena costruita e molto apprezzata dai numerosi cittadini che giornalmente la utilizzano”, ricorda. E aggiunge: “Ancora una volta bisognerà impegnare soldi pubblici per far rimpiazzare ciò che è stato sottratto da gente che si appropria della cosa pubblica come fosse di nessuno. E invece – sottolinea – è come se i ladri venissero a mettere le mani nelle tasche di tutti i cittadini onesti”. 

L’assessore è veramente un fiume in piena e aggiunge: “Per arginare l’azione criminale di questi sciacalli bisogna vigilare e denunciare chi non rispetta le regole basilari del vivere civile. Fino a quando questo non succederà saremo in balia di chi con le proprie azioni rischia di compromettere il nostro futuro”.

Il nuovo tratto sorge all’ingresso di Galatina provenendo da Galatone. Arriva fino all’ex sede del tribunale e si ricollega con una pista ciclabile.  Il furto è avvenuto nel corso della notte fra domenica e lunedì. E al momento almeno il 30 per cento dei lampioni montati sui pali sono spenti. I furfanti hanno strappato circa 200 metri di cavo. Il danno ammonta pressappoco a 7mila euro, di cui 3mila e 500 di materiale e il resto di manodopera, considerando che bisogna cambiare i giunti. La soluzione? Difficile da trovare.  

Un’idea potrebbe essere quella di saldare i coperchi dei pozzetti, ma non è molto praticabile, perché renderebbe problematica la manutenzione. I cavi, infatti, devono essere sempre ispezionabili in modo immediato. Il caso è stato denunciato alla stazione dei carabinieri, ma le autorità hanno avvisato anche il commissariato di pubblica sicurezza e la polizia locale.

Ma è possibile, si chiedono oggi in molti, che nessuno abbia notato nulla in tutte le occasioni? Per un furto del genere occorrono ore di lavoro, attrezzi, almeno un’auto o un furgone su cui caricare la refurtiva. Tant’è: nelle prime due occasioni gli interventi sono effettuato dall’impresa che ha montato i piloni di tasca propria. Questa volta, però, ricorda l’assessore Coccioli, spetterà alla Provincia. Cioè, ai cittadini. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri rubano per la terza volta i cavi della luce: 30 per cento di strada al buio

LeccePrima è in caricamento