rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Galatina Galatina

Nel 2005 fu accusato di bancarotta fraudolenta. Carcere per un imprenditore

Un 43enne di Galatina è stato arrestato, questa mattina, dagli agenti di polizia del commissariato locale. Per fatti che risalgono al 2005 è finito nell'istituto penitenziario. Per lui anche 10 anni di interdizione dall'attività imprenditoriale e 5 dai pubblici uffici

GALATINA – Hanno proceduto all’arresto questa mattina, dopo diverse ore di osservazione e numerosi appostamenti effettuati  dagli agenti di polizia del commissariato di Galatina. Antonio Marra, 43enne del luogo, è stato fermato dal personale guidato dal vicequestore aggiunto, Giovanni Bono, è dovrà scontare tre anni e quattro mesi di reclusione. L’uomo è stato ritenuto responsabile del reato di bancarotta fraudolenta.

I fatti che hanno portato alla disposizone della misura risalgono al  2005, e si verificarono nella cittadina dell’entroterra salentino. Le indagini, condotte nel corso di questi ultimi anni, hanno portato al suo arresto.

A seguito dell'ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Lecce, l’uomo è stato anche condannato per inabilitazione all’esercizio d’impresa commerciale ed incapacità di esercitare l'attività  per 10 anni Per lui, anche  l’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni. Al termine delle formalità di rito, Marra è stato trasferito nel carcere di Borgo San Nicola, alle porte del capoluogo salentino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel 2005 fu accusato di bancarotta fraudolenta. Carcere per un imprenditore

LeccePrima è in caricamento