Venerdì, 30 Luglio 2021
Galatina

Anziana deceduta nel pronto soccorso, affidata consulenza medico legale

Toccherà al cardiologo Giuseppe Ruberti stabilire se ci furono negligenze e omissioni da parte del personale medico che il 12 aprile del 2013 ebbe in cura una donna di 83 anni, trasportata al nosocomio di Galatina dopo un malore

LECCE – Sarà una consulenza medico legale, affidata al cardiologo Giuseppe Ruberti, a stabilire eventuali negligenze e omissioni da parte del personale medico che potrebbero aver causato la morte di Cosima De Mitri, la donna di 83 anni originaria di Galatone, deceduta il 12 aprile del 2013 dopo essere stata trasportata d’urgenza, con un’ambulanza del 118, nel pronto soccorso dell’ospedale di Galatina.

L’incarico, previsto inizialmente per oggi ma slittato a causa dell’astensione degli avvocati, sarà conferito dal gip Giovanni Gallo nell’udienza del prossimo 16 aprile. Titolare dl procedimento è il sostituto procuratore Emilio Arnesano. Cinque i medici iscritti nel registro degli indagati con l’ipotesi di reato di omicidio colposo. Dall’esame autoptico non sono emersi elementi utili a stabilire con precisone le cause della morte. Il consulente dovrà stabilire in sede di incidente probatorio se il decesso poteva essere evitato, sottoponendo la 83enne alle cure del caso.

A dare avvio alle indagini è stata la denuncia dei famigliari della donna, che nella mattinata del 16 aprile scorso aveva accusato un malore. Pertanto la De Mitri, che soffriva di fibrillazione, era stata trasportata presso il pronto soccorso dell’ospedale di Galatina, dove in poco meno di un’ora le sue condizioni si erano aggravate sino a portare alla morte della paziente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anziana deceduta nel pronto soccorso, affidata consulenza medico legale

LeccePrima è in caricamento