Sabato, 24 Luglio 2021
Galatina Piazza Dante Alighieri

"Lavori non pagati". Rissa tra sei in pieno centro davanti allo sportello bancomat

Deferiti all'autorità giudiziaria alcuni cittadini albanesi. Sembra che si fossero dati appuntamento in piazza Dante Alighieri perché uno di loro avrebbe dovuto saldare un debito con alcuni muratori. Ma la discussione è degenerate e sono intervenuti i carabinieri

La stazione dei carabinieri di Galatina.

GALATINA – Botte in pieno centro per un pagamento non effettuato, dopo alcuni lavori edili. Sembrerebbe questo il motivo per cui sei albanesi, tutti residenti nella zona di Galatina, si sono azzuffati nella serata di ieri, davanti al Banco di Napoli. Si erano dati appuntamento in piazza Dante Alighieri, proprio nel cuore della grosso comune salentino, perché uno di loro avrebbe dovuto prelevare il denaro in contanti e versarlo ad alcuni muratori.

Proprio davanti allo sportello bancomat della piazza, però, in mezzo ai parcheggi pubblici, deve essere sorta un’animata discussione, degenerata in una zuffa che i carabinieri, chiamati da alcuni cittadini, hanno avuto non poche difficoltà a sedare. La stessa ricostruzione dei fatti ancora non è ricca di dettagli. Bisogna chiarire meglio l’intera vicenda e il ruolo di tutti. Basti pensare che, dei sei contendenti, uno è ancora in corso d’identificazione completa e non è chiaro in modo preciso il suo coinvolgimento.

Stando a quanto scoperto fino a questo momento, dalla prima indagine dei militari galatinesi, H.A., 40enne, avrebbe dovuto pagare T.A., 17 enne, T.E., 25 enne, ed M.A.,31 enne, per alcuni lavori svolti per suo conto. Si tratta, nello specifico, della costruzione di alcuni muretti a secco. All’appuntamento, il 40enne si sarebbe presentato con il fratello minore, 16enne (che ha le stesse iniziali, H.A.). Nella circostanza – come detto, con un ruolo da definire -, sarebbe stato presente anche K.D., un altro cittadino albanese, di cui non si conoscono ulteriori dettagli, almeno per il momento.  

Tant’è: la discussione, a un certo punto, avrebbe fatto scoccare scintille, fino alle botte. E tutto perché sembra che all’ultimo istante H.A. si sarebbe rifiutato di prelevare il denaro. L’unico a riportare alcune lesioni un po’ più serie, alla mano destra, per cui sono state necessarie cure sanitarie, è stato il 25enne T.E.. I carabinieri, giunti sul posto, hanno identificato i contendenti, ricostruendo una prima dinamica e il probabile movente, denunciandoli all’autorità giudiziaria per la focosa rissa.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Lavori non pagati". Rissa tra sei in pieno centro davanti allo sportello bancomat

LeccePrima è in caricamento