Domenica, 13 Giugno 2021
Galatina

Sollevano la saracinesca dell’autosalone, poi l’attentato incendiario con l'ordigno

Poco prima delle 2, malviventi hanno preso di mira una rivendita di auto a Galatina. E' stata udita una forte esplosione

GALATINA –  E' stata udita dai residenti quella forte esplosione che ha destato un intero isolato. Un ordigno deflagra davanti all'ingresso dell'ennesima attività commerciale. Attentato, nella notte, ai danni di un autosalone di Galatina.  Ignoti, poco prima delle 2, hanno infatti preso di mira una rivendita di autovetture usate, per arrecare danni che ora si aggirano attorno a svariate migliaia di euro.

Prima di agire, i malviventi hanno sollevato l'unica saracinesca dell'attività, che ricopre una porta a vetri. Poi hanno piazzato una bomba carta o una molotov, si sta cercando di capire con precisione la tipologia dell'ordigno, e sono fuggiti senza lasciare apparenti tracce. immediata l'esplosione, che ha mandato in frantumi la vetrata. Non sarebbero stati registrati danni ai veicoli parcheggiati all'interno, ma è un dato accertabile soltanto in un secondo momento, al termine dell'inventario completo dei danni.

Sul posto, allertati dallo stesso proprietario e dai residenti della zona, i vigili del fuoco del comando provinciale e gli agenti di polizia del commissariato locale, guidati dal vicequestore aggiunto Giovanni Bono. Spento l'incendio che era nel fratemmpo divampato, pompieri e poliziotti hanno eseguito un sopralluogo, alla ricerca di tracce lasciate dagli autori dell'intimidazione.

Ascoltato il titolare dell'autosalone, un uomo incensurato, gli agenti hanno recuperato i filmati delle videocamere di sorveglianza: quei fotogrammi potrebbero svelare qualcosa sull'identità dei responsabili, o sul modello dell'auto usato per raggiungere via Gallipoli. E' di appena quattro giorni addietro un altro episodio intimidatorio, avvenuto a Surbo, dove balordi hanno devastato l'ingresso di una fioreria e ditta di onoranze funebri, versando della benzina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sollevano la saracinesca dell’autosalone, poi l’attentato incendiario con l'ordigno

LeccePrima è in caricamento