rotate-mobile
Galatina Galatina

Attendono passaggio dal contratto part-time a full-time: assistenti sociali in protesta

Il sindacato Usb proclama lo stato di agitazione per le dipendenti di un istituto di Galatina. Lunedì previsto un incontro in Comune, con gli amministratori

GALATINA – Cinque assistenti sociali sul piede di guerra. Riparte lo stato di agitazione delle dipendenti dell’istituto “Immacolata” di Galatina,  operante nel settore dei servizi alla persona, tutte iscritte all’Unione sindacale di base. Previsto per lunedì 21 marzo un incontro presso il Comune: in caso di esito negativo, il sindacato fa sapere che saranno immediatamente attivate le procedure per l’indizione formale dello sciopero.


Alla base del malcontento delle dipendenti, la mancata trasformazione del contratto a tempo indeterminato da part time a full time, nonostante la presenza di risorse utilizzabili per portare a termine questo passaggio. Il sindacato richiede inoltre il riconoscimento di valutazione delle performance, il diritto alla progressione economica orizzontale, il salario accessorio mai erogato e tutte le indennità legate alla figura professionale delle lavoratrici.


Nonostante una prima conciliazione in prefettura, che aveva portato al raffreddamento della vertenza con un cronoprogramma mirato a una trasformazione dei contratti di lavoro, la questione non si sarebbe ancora risolta "a causa dell’assenza ingiustificata dell'ambito sociale e territoriale di Galatina", stando a quanto dichiarato dai sindacalisti Usb.  “Va detto infine che, nonostante il clima di disagio, le assistenti sociali hanno continuato a garantire alla collettività dell’ambito i servizi minimi essenziali", concludono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attendono passaggio dal contratto part-time a full-time: assistenti sociali in protesta

LeccePrima è in caricamento