menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allagamenti e burrasca sulla Giudecca. In arrivo fondi per rinforzo dei frangiflutti

La giunta regionale ha formalizzato lo stanziamento urgente di 358 mila euro per i danni e la realizzazione di nuove barriere contro la furia del mare. Accolte sollecitazioni del Comune

GALLIPOLI - La forza dirompente del mare in burrasca, che travalica argini e banchine, e inonda il tratto del lungomare di scirocco della Giudecca, lasciando dietro di se allagamenti, detriti e rendendo impraticabile l’intera zona nelle ultime 24ore. L’effetto dell’allerta meteo “arancione”, sul versante gallipolino, si è concretizzato, ancora una volta, abbattendosi sulla zona fronte mare della Giudecca e delle strade limitrofe, come fenomeno ormai rituale, quasi ciclico, nel periodo invernale.

Le raffiche di vento riveniente da sud, e lo sferzante libeccio, con punte di circa 80 chilometri orari e onde alte e dirompenti hanno causato ancora una volta allagamenti e inondazioni nell’intera zona della Giudecca, compreso il lungomare e le vie di affaccio al litorale, da via Gramsci, a via don Minzoni sino alla parallela via Pagliano. Intermante invase dall’acqua marina travalicata dallo specchio del versante di Scirocco. A vigilare sulla situazione della sicurezza il personale della protezione civile Cir e la polizia locale. Al di là dell’effetto scenografico, resta la problematica dei danni e dei disagi.

La giunta regionale intanto ha formalizzato nelle scorse ore lo stanziamento urgente di 358 mila euro per fronteggiare i danni e per la realizzazione di nuove barriere frangiflutti contro la furia del mare. Accolte in tale direzione le sollecitazioni pressanti giunte martedì scorso da parte del Comune. Per tutta la notte scorsa, e anche nella mattinata di ieri, ma con meno intensità, le onde alte e impetuose hanno infatti sospinto l’acqua del mare ben oltre le attuali e fragili barriere frangiflutti allagando l’intera zona, comprese le strade perpendicolari che dal corso ridiscendono verso la parte alta del lungomare. Stavolta danni più contenuti rispetto alla mareggiata del novembre del 2019, ma che hanno interessato ancora una volta la banchina, in più punti scorticata, garage, scantinati e le attività commerciali alle prese con la solita invasione dell’acqua.

L’ondata di maltempo, che ha imperversato nella notte tra lunedì e martedì, con mare forza nove, e raffiche di vento massicce, ha lasciato il segno anche lungo la zona del porticciolo del Canneto con i pescatori che hanno lamentato il disagio per alcune imbarcazioni finite a picco. Proprio per la zona della Giudecca, dove resta transennata da tempo tutta l’area dell’edificio decadente dell’ex Nautico in attesa del progetto definitivo di ricostruzione, la scorsa estate era stati eseguiti i lavori di sistemazione dell’area falcidiata dalla violenta mareggiata del novembre dello scorso anno per ripristinare la pavimentazione, l’illuminazione e i frangiflutti demoliti dall’azione violenta delle onde.

L’amministrazione comunale, dopo aver ottenuto il nulla osta e le relative prescrizioni da parte anche della Soprintendenza e della Capitaneria di porto, facendo leva su risorse di bilancio per oltre 36 mila euro aveva affidato gli interventi ad un ditta locale per ripristinare l’agibilità e il decoro della zone della banchina e della passeggiata che erano state seriemente danneggiate. Le opere realizzate nei mesi scorsi hanno retto stavolta alla furia dei marosi.

Ma ora si guarda al futuro con ulteriore ottimismo dopo l’approvazione della giunta regionale della delibera che prevede l’intervento urgente di ricomposizione delle barriere frangiflutti sul lato battuto dalla mareggiata, quello appunto relativo al versante nord di Scirocco della Giudecca e  del seno del Canneto. Il contributo incamerato dal Comune è pari a 358.586,38 euro ed è frutto di una serie di sollecitazioni da parte dell'amministrazione comunale del sindaco Stefano Minerva già a seguito dell’eccezionale e violenta perturbazione meteorica che aveva investito tutta la costa di Gallipoli e il lungomare Galilei nelle giornate del 12 e del 13 novembre dello scorso anno.

Nello specifico, nella zona della Giudecca si sono avuti i danni maggiori dovuti all'effetto delle onde violentissime, generando situazioni di criticità principalmente per l’incolumità delle persone. Gli effetti della mareggiata hanno comportato così il danneggiamento delle opere di difesa esistenti, nonché del tessuto antropizzato più esposto, con conseguenti allagamenti estesi anche alle aree retrostanti il fronte mare. I successivi sopralluoghi effettuati e le preliminari attività tecniche svolte nell'area in esame, congiuntamente tra Autorità di bacino distrettuale e l’amministrazione comunale, hanno già allora evidenziato la gravità e l'entità dei danni subiti.

Il Comune poi, con una nota del 29 dicembre scorso, in seguito all’ultima ondata del maltempo, ha avanzato una richiesta urgente di risorse finalizzate alla riparazione del lungomare e sempre destinate per la protezione della falcidiata zona della Giudecca. Una richiesta di fondi straordinari di 400 mila euro, illustrando, con allegate relazioni di stima, verbali di sopralluogo e report fotografico, la situazione di grave criticità e pericolo per la pubblica incolumità nell’area interessata.

Alla luce delle numerose pec inviate, delle sollecitazioni e delle richieste formali, la giunta regionale, nella serata di ieri, ha così deliberato la concessione del contributo.

“Un passo decisamente importante per la città e che consentirà subito di rinforzare le prime difese fronte mare. Non posso fare a meno di esprimere la mia immensa soddisfazione, dopo le numerose richieste e il lavoro di studio e di progettazione dei nostri uffici” spiega il sindaco Stefano Minerva, “abbiamo ottenuto quello che volevamo, abbiamo portato a casa uno straordinario risultato. Voglio definire tutto questo come una nostra vittoria che corrisponde alla vittoria di tutti i cittadini, Concludiamo un anno ricco di progetti e di attività con una notizia che aspettavamo da tempo: il 2021 porterà altri risultati straordinari a cui stiamo lavorando da mesi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento