Gallipoli

Aprea a confronto con i partiti. Si accelera su appalto rifiuti e Piano Coste

Il commissario a confronto con il sindaco uscente, i gruppi consiliari e i partiti. Ascoltate le richieste e fissati gli obiettivi amministrativi. Al via bando europeo d'igiene urbana. Tra le priorità piano sicurezza, abusivismo, depuratore, emergenza casa, piano coste e distretto turistico

GALLIPOLI - Al via la fase del confronto e dell’ascolto da parte del commissario prefettizio Guido Aprea alla guida del Comune di Gallipoli. Dopo i primi quindici giorni di insediamento e i primi atti sottoscritti dal reggente di Palazzo Balsamo (approvazione del bilancio di previsione,  la presa d'atto della deliberazione della Corte dei Conti relativa agli esiti del controllo sul rendiconto degli esercizi 2011 e 2012, e la conferma degli incarichi dirigenziali delle Aree e dei Servizi e delle unità operative del Comune compresa quella temporanea del comandante della municipale Antonio Orefice) la parola è ora passata anche alle compagini politiche. Il primo faccia a faccia è quello che si è svolto venerdì scorso in tarda mattinata tra il viceprefetto vicario e il sindaco uscente Francesco Errico per suggellare il passaggio di consegne. Un incontro nel quale l’ex primo cittadino ha segnalato la necessità di portare a termine alcune iniziative e i programmi già avviati dall’amministrazione uscente il cui iter è stato bloccato in corso d’opera a causa del perdurare della crisi amministrativa e delle dimissioni poi divenute irrevocabili da parte di Errico.

Questa mattina invece si è svolto l’incontro tra il commissario prefettizio ed il sub commissario Vincenzo Calignano con i gruppi consiliari uscenti e le forze politiche della città che ne avevano già fatto richiesta. Un incontro in cui il commissario Aprea ha ribadito le linee guida del suo percorso commissariale, impegno, legalità e trasparenza su tutti, ed ha risposto puntualmente alle varie richieste sollecitate da partiti e liste civiche. Ma Aprea è stato risolutivo e pragmatico anche su alcune questioni cardine relative all’amministrazione di Gallipoli annunciando importanti novità sulle prime azioni operative del suo incarico. In tale direzione nella prossima settimana sarà avviato di concerto con l’Ato, il bando europeo per il servizio di igiene urbana, mentre importanti risposte si intendono dare anche sul versante del contrasto all’abusivismo, specie in ambito commerciale e su quello della sicurezza. “Su questo argomento” ha detto il commissario di Palazzo Balsamo, “stiamo predisponendo una pre intesa, che poi si trasformerà in un Patto della Sicurezza Integrata tra Comune, Regione e Prefettura e quindi ministero dell’Interno. Un patto non di chiacchiere ma di fatti operativi e quindi ciò significa più uomini e più risorse in termini di sicurezza e controllo per la città”.

Il commissario Aprea ha anche assicurato che si continuerà a dare “attenzione alta e costante” alle questioni del depuratore, visto che in questi giorni sono proseguiti incontri tematici su tale vicenda, che verrà data un’accelerata sulla questione del Piano delle Coste ritenuto “quanto mai necessario per una realtà come Gallipoli”, e che sarà affrontato di petto il problema dell’edilizia residenziale pubblica con un focus tra Regione, Comune ed Arca Sud, anche per debellare il fenomeno dell’abusivismo, che a Gallipoli tocca circa l’85 per cento delle occupazioni totali, nella consapevolezza, però “che va data un’alternativa agli occupanti, visto che non si può pensare di risolvere tutto solo con gli sgomberi”. Dalla riunione odierna  sono Guido Aprea-2emerse anche buone nuove per la messa in sicurezza della zona di via Firenze, visto che ad inizio ottobre dovrebbe terminare il primo lotto di interventi e quindi gradatamente le famiglie dovrebbero ritornare nelle loro abitazioni. Aprea ha anche preannunciato la volontà di realizzare il “Distretto Turistico”, che consentirà di snellire l’attività amministrativa per gli operatori sani del settore, con controlli a valle, ottenendo anche dei vantaggi fiscali.

“Non nascondo che per me quella di Gallipoli è una sfida importante” commenta il vice prefetto Aprea, “una sfida che ovviamente intendo vincere, anche perché su Gallipoli vi è l’attenzione a livello nazionale e più in generale delle istituzioni ai vari livelli e anche la mia scelta, in qualità di vicario prefetto di Lecce, che dunque ben conosce criticità e problematiche di questa meravigliosa realtà, ben si spiega in tale ottica. Per questo, se la mia esperienza commissariale dovesse concludersi positivamente, sarà una vittoria di tutti, delle Istituzioni e dei cittadini. Il mio intento è quello di garantire a Gallipoli di riappropriarsi dell’ordinarietà” precisa Aprea, “perché si vive in continua emergenza e l’emergenza da spesso adito e sponda a situazioni poco chiare. Per questo intendo portare questa città su un binario irreversibile di ordinarietà e legalità. Sono qui” conclude il commissario prefettizio, “per erogare servizi ai cittadini e per fare il loro esclusivo interesse. Il mio unico nemico è la clessidra, cioè il tempo a disposizione per realizzare quanto è nelle mie intenzioni, ma sono certo che con la collaborazione di tutti nessun obiettivo sarà precluso”.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aprea a confronto con i partiti. Si accelera su appalto rifiuti e Piano Coste

LeccePrima è in caricamento